Cavi di rame rubati nella stazione di Voghera: ritardi per 12 regionali e 14 treni cancellati

I tecnici Rfi hanno sostituito il materiale trafugato e ripristinato la circolazione

Quattro ore di immobilità totale nella mattinata di ieri alla stazione di Voghera. Durante la notte tra mercoledì e giovedì ignoti hanno rubato i cavi che regolano la circolazione ferroviaria dei treni presso la stazione di piazzale Guglielmo Marconi, perché in rame. E naturalmente i primi treni in partenza e arrivo in quella tratta già dalle 5 del mattino hanno accusato fortissimi ritardi, di fatto paralizzando non solo la circolazione sulla linea Milano-Tortona, ma i medesimi rallentamenti li hanno subiti quei convogli che partivano da e per Alessandria, Genova e Piacenza.

Sono tutt'ora in corso le indagini portate avanti dai carabinieri della compagnia di Voghera. I militari sono partiti dalle registrazioni delle telecamere di sorveglianza poste sia all'interno che all'esterno della stazione. Per adesso si sa solo che il furto potrebbe essere avvenuto tra l' 1 e le 4 di giovedì. Che di fatto sono stati rubati trecento metri di cavi in rame, dei quali è invece difficile stabilirne il peso, e che i soggetti ricercati sono almeno tre.

Durante la mattinata, Rfi ha provveduto nell'immediato a comunicare l'accaduto attraverso una nota, specificando che: «Il furto o il danneggiamento dei cavi in rame non comporta rischi per la circolazione dei treni. - E ha aggiunto- In questi casi si attivano dei protocolli specifici che, in attesa dell'intervento delle squadre tecniche per il completo ripristino della funzionalità della linea, consentono ai treni di continuare a viaggiare in sicurezza, anche se rallentati».

I tecnici, giunti con le prime luci, hanno operato per ore lungo il raccordo ferroviario per ripristinare le normali condizioni; reintegrando il materiale rubato e quindi riportando il corretto funzionamento dell'infrastruttura. Nelle stesse ore, l'azienda di ferrovie italiana ha provveduto a compensare, mettendo a disposizione servizi sostitutivi con autobus.

I convogli che hanno registrato fino a venti minuti di ritardo sono stati un treno a lunga percorrenza e sei regionali. Altri sei regionali sono stati limitati nel loro percorso e ben quattordici sono stati cancellati. La direzione centrale della Polizia criminale ha promosso e redatto il protocollo istitutivo dell'Osservatorio nazionale sui furti di rame, favorendo le migliori sinergie tra forze dell'ordine, agenzia delle dogane e le società e aziende maggiormente esposte al fenomeno dei furti.

Dall'inizio dell'anno sul territorio nazionale sono stati rintracciati 4.163 depositi di rame, recuperati 191.703 chili di materiale trafugato e arrestate 171 persone.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Ven, 15/06/2018 - 13:39

scommetto sulle risorse della sboldrina