Centrale, i predatori ora assaltano i treni passando dai binari

I borseggiatori non riescono a entrare dai varchi e scelgono la via più pericolosa

Cristina Bassi

Non possono più salire sui treni in sosta passando dall'ingresso principale a causa dei varchi da cui si accede solo con il biglietto. Così ora i predatori della stazione Centrale tentano di borseggiare i passeggeri passando dall'esterno e camminando sui binari. Con il rischio di venire travolti o di bloccare il traffico dei convogli. La Polfer ha fermato diversi ladri negli ultimi giorni. Ieri l'ennesimo episodio. Nel pomeriggio gli agenti in borghese della Polizia ferroviaria hanno arrestato sei nomadi che erano entrate nell'area dei binari dall'esterno, venendo da Lambrate. Dopo essere salite su un treno in sosta, hanno raggirato una turista indonesiana con la scusa di aiutarla nel trasportare i bagagli, e le hanno rubato la borsa e il portafogli con il denaro e le carte di credito.

Da giorni gli uomini della squadra di polizia giudiziaria del compartimento Polfer Lombardia sono appostati sui treni in partenza per le varie località turistiche. Ieri appunto si trovavano a bordo di un convoglio e hanno assistito al furto. Sei cittadine di etnia rom, tra cui due minorenni, tutte già conosciute come autrici di borseggi, si sono fermate al binario 10 accanto a un Frecciabianca diretto a Venezia. Tre di loro sono salite nella carrozza numero 5, mentre le altre sono rimaste a terra a guardia delle porte. I poliziotti si sono nascosti su un treno al binario 11, notando che le donne a bordo dell'altro convoglio creavano un diversivo per distrarre i viaggiatori. Poi una nomade ha prelevato i soldi dall'interno della borsa di una cittadina straniera. Scese dalla carrozza, le ladre sono state bloccate insieme alle compagne rimaste a terra. Perquisendole gli agenti hanno trovato 921mila rupie (che valgono circa 12mila euro) e 70 euro. La collaborazione del capo treno è stata utile per rintracciare la turista vittima del furto. La Polfer è impegnata in particolare in questo periodo estivo e di intenso flusso di turisti per garantire la sicurezza dei viaggiatori in stazione e sui treni. La prevenzione dei borseggi è una delle attività principali.

Qualche giorno fa si era verificato un fatto simile, sempre con l'intervento della polizia ferroviaria. Quattro giovani rom hanno cercato di accedere alle banchine della Centrale camminando sui binari e salendo sui treni in arrivo, dopo essere state respinte ai varchi controllati. Sono state bloccate e identificate. L'incursione delle giovani ha anche rallentato il traffico ferroviario per circa un'ora. Sono stati coinvolti venti treni a lunga percorrenza e dieci regionali, che hanno subito ritardi fino a mezz'ora. Una delle nomadi è stata denunciata per il furto di un bagaglio, con le altre rischia inoltre di dover rispondere del reato di interruzione di pubblico servizio.

Grazie ai «gate» presidiati dal personale della stazione all'ingresso dei binari i furti in Centrale e sui convogli sono calati. I borseggiatori passati per l'entrata principale sono praticamente spariti e per questo è stata trovata un'altra via dall'esterno.

Commenti

tiromancino

Sab, 20/08/2016 - 14:53

È infortunio sul lavoro,sporco,speriamo non dover pagare dei futuri danni