Centro anti-contagio ospiterà i clochard

Un «filtro sanitario» allo Scalo Romana. L’influenza N1H1 (oltre che il rischio di una diffusione della Tbc) ha contagiato quest’anno anche il piano anti-freddo messo in campo da venerdì prossimo dal Comune. I clochard, ma soprattutto quegli immigrati appena arrivati in città e che non hanno la certificazione sanitaria, verranno «parcheggiati» in un dormitorio ad hoc fino a che non avranno superato gli accertamenti medici. E l’Asl potrebbe fornire a tutti il vaccino contro il virus A («stiamo studiando il modo»), anticipa l’assessore alla Salute Mariolina Moioli. Che non esclude, nel caso di grande freddo, che le porte delle strutture di accoglienza siano aperte anche ai clandestini.