Chi era

Alpinista, tennista, aviatore, esploratore, comandante di spedizioni, ultradecorato militare, regista pluripremiato: Leonardo Bonzi (1902-1977) fu tutto questo e molto altro. Fu soprattutto «un italiano non qualunque», come recita il sottotitolo del libro biografico «Leonardo Bonzi, l’uomo che partiva sempre» (pubblicato anni fa da Mursia) scritto dalla figlia Emilia con la giornalista del Giornale Caterina Soffici e con l’introduzione di Indro Montanelli. I ricordi e i cimeli di quest’uomo non comune, anche quelli relativi alla celebre trasvolata atlantica con l’Angelo dei bimbi, sono raccolti nel piccolo museo a lui dedicato che si trova a San Michele di Ripalta Cremasca, frazione di Crema. Il museo è aperto al pubblico previa prenotazione allo 02.4693487, www.leonardobonzi.it.