Via chiusa per il Gay pride I negozianti: «È un danno»

Sfilata dell’orgoglio omosessuale in corso Buenos Aires. Stop al traffico. I commercianti arrabbiati: "L'omofobia non c'entra, per noi è un danno.

Arrabbiati, tanto. Ma delusi ancora di più. Sono amareggia­ti i commercianti di corso Bue­nos Aires dall’atteggiamento del Comune. E scoraggiati dal non avere sentito nessun ap­poggio da parte degli assessori al traffico Pierfrancesco Maran e alla Sicurezza, Marco Granel­li. I quali, dal canto loro, fanno sapere di essere un po’ stupiti perché la decisione finale è sta­ta condivisa.

Gabriel Meghna­gi, dell’Ascobaires (l’associa­zione legata a Confcommer­cio), rappresentava i circa 350 esercizi del corso Buenos Aires l’altro giorno al tavolo in Comu­ne per definire le modalità del gay pride sabato 29 marzo. Una sfilata che mette in difficoltà i commercianti, consapevoli di perdere un prezioso sabato di vendite. «Per noi è un danno commerciale- spiega Meghna­gi - anche se siamo riusciti a ot­tenere che venga chiusa solo una parte del corso, da viale Re­gina Giovanna a piazza Ober­dan: 200 metri invece di 1,6 chi­lometri come era stato chiesto dagli organizzatori. Sono usci­to ­soddisfatto dall’incontro per­ché ho ottenuto il massimo che potevo. Ma il Comune non ci ha aiutato», racconta con l’amaro in bocca.

I commercianti chiedevano che la manifestazione venisse spostata appena 200 metri più in là, cioè da Porta Venezia a Pa­lestro lungo il primo pezzo di corso Venezia «dove non ci so­no attività commerciali e dove non ci sarebbero stati problemi per il traffico», aggiunge. «Ba­stava che gli assessori Maran e Granelli dicessero quella che è poi la verità, perché il caos del traffico così è assicurato. Inve­ce niente. Hanno mormorato che sabato 29 i milanesi saran­no tutti via, in vacanza. Sarà, ma non credo che di questi tem­pi ci sia tanta gente che se ne va il sabato...». Per lui è un atteggi­a­mento incomprensibile da par­te del Comune e da parte anche del consiglio di zona 3, «mi han­no detto che il commercio in questo momento è la questio­ne meno importante», aggiun­ge. Il caos del traffico è assicura­to. Poi di sabato.

«Mi dispiace per quella trenti­na di negozi che si trovano in quei 200 metri. Saranno pena­lizzati. È stato dato infatti il per­messo di piazzare quattro pal­chi da 4 metri per 4 con musica che andrà dalle 17 fino a non si sa a che ora - dice - Non voglio fare commenti, chi leggerà si fa­rà la propria idea. Io non ho niente contro nessuno, ma ogni evento va fatto nel luogo adatto. Invece gli organizzatori hanno detto chiaro e tondo che volevano un luogo visibile a tut­ti. Tra l’altro hanno giàavvisato di non scandalizzarsi perché fa caldo e quindi molti saranno a torso nudo», racconta il presi­dente di Ascobaires. Hanno an­che già avvertito che non com­preranno niente a parte qual­che gelato.

Il presidente di Asco­baires ci tiene a ribadire che l’omofobia non c’entra niente, che lui non ce l’ha con nessuno. Ma che a Milano c’erano luoghi più adatti per il gay pride. Tutto qui. «È brutto da dire ma c’era da restare tutti quanti chiusi sa­bato, lungo il corso Buenos Ai­res », conclude.

Commenti

nalegior63

Gio, 20/06/2013 - 09:37

fra poco vieteranno il carnevale i gelati gli alcolici le discoteche e i matrimoni fra uomo e donna,rimarranno legali solo pedofili gay zingari e clandestini possibilmente islamici estremisti

ZIPPITA

Gio, 20/06/2013 - 10:04

o dei centri sociali!!!

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 20/06/2013 - 10:21

pisappia rappresenta il campione dell'idiozia che cresce in Italia e in occidente..è la esemplificazione della politica andata a ramengo..a parte che pisappia è sotto l'egida dell'orecchiutto..che ha imposto in franchaising..il gaypride a tutte le amministrazioni da lui controllate..cioè della serie lui è un ricchiutto e quindi i gaypride sono fondamentali..anzi sono il MARCHIO del sel..quindi la loro organizzazione è un fatto fondamentale che và oltre ogni esigenza delle città a matrice sel..della serie siamo a livello di CALIGOLA che aveva la fissa del cavallo e lo ha fatto senatore...

africano

Gio, 20/06/2013 - 10:35

Poveri commercianti, ma dov'erano quando si votava alle comunali? Quanti di loro non sono andati a votare per la Moratti? Oggi, e solo oggi si accorgono che l'Italia, l'Europa, e l'Occidente sono proprietà dei gay, che continuano a ricevere lauti finanziamenti coi nostri soldi mentre le famiglie sono abbandonate alla miseria più nera. I gay sono oggi la minaccia peggiore, ma in Italia se ne accorgeranno quando sarà troppo tardi

Ritratto di scepen

scepen

Gio, 20/06/2013 - 10:40

perchè poi proprio di sabato, e non di lunedì? immaginate ragazzini e persone "normali"vedere sfllare sul carro persone acconciate come put**ne.che schifo. vestissero come tutti gli altri giorni!!

piero1939

Gio, 20/06/2013 - 10:48

ancora co ste robe ma dai!!!!!!!!!!!!

paolodb

Gio, 20/06/2013 - 11:02

Da milanese non elettore di pisapia (e schifato dalla moratti) dico che questo disastroso sindaco sta semplicemente facendo quello che aveva promesso: mazzuolare i milanesi di tasse e coccolarsi i reietti e diversi di ogni tipo e genere. L'avete votato? E adesso godetevelo. Purtroppo però ce lo "godiamo" tutti.

Ritratto di tethans

tethans

Gio, 20/06/2013 - 11:06

Lo avete votato Pisapia !!! Ora pedalate tenetevelo .. Qui a Londra la festa GAY la si fa ad High Park corner

fabio tincati

Gio, 20/06/2013 - 11:08

E' incredibile l'opinione ed il rispetto che questa giunta e questo sindaco hanno degli altri:hanno deciso che vogliono il voto dei gay(anche perchè se no chi li vota?)come se questi fossero una razza a parte. Che progresso!Che modernità!Sfruttare gli altri sia gay che cittadini per farsi pubblicità!Ottusa determinazione comunista che squallore!Che razzismo!Per il vs.sindaco e la giunta i gay sono un gruppo di checche isteriche che ballano seminude non persone normali in molti casi molto intelligenti e di successo,credo che le persone che hanno trovato il loro equilibrio accostandosi a persone del loro stesso sesso si terranno molto alla larga da questa miseria.

guidode.zolt

Gio, 20/06/2013 - 11:09

Gay, lesbiche, trans, ecc. ecc. , quel popolo sconnesso è un bacino elettorale rappresentato dal 5 -6% dell'elettorato italiano, fanno un po' schifo ma anche gola alla sx che cerca di catturarne i favori... sinistra baldracca!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 20/06/2013 - 11:14

Il mondo oramai è in mano ai pazzi con disturbo bipolare

enzo1944

Gio, 20/06/2013 - 11:21

cari Milanesi,avete votato per pisciapippa o siete andati al mare per non votare................ora godetevi l'amico dell'orecchino italico pugliese!!

fabio tincati

Gio, 20/06/2013 - 11:32

E' un pò come se alla festa della donna,invece di considerare la donna come compagna,moglie,educatrice,madre,professionista ed intelligente essere umano,la festeggiassero come spogliarellista,allupata,esibizionista e baldracca! Caspita!Che cervello!!

eras

Gio, 20/06/2013 - 11:44

Per la legge dei paradossi è conveniente per i conservatori che sfilino: rendono più evidente il loro squallore. Più si vedono più si ridicolizzano.

Ramese

Gio, 20/06/2013 - 11:46

Due settimane fa il gay pride era a Tel Aviv, dove non sono certo comunisti ...

swiller

Gio, 20/06/2013 - 11:57

CHE SCHIFO.

elalca

Gio, 20/06/2013 - 12:17

a quando il "normal pride"?????

herbavoliox

Gio, 20/06/2013 - 12:28

Siamo stufi di queste carnevalate, non ne sentiamo proprio il bisogno. Vivano la loro sessualità come fa la gente normale e il rispetto lo avranno di conseguenza. I normali non fanno troppo rumore, e di diritti non rispettati ne avrebbero molto da dire i pensionati al minimo e le famiglie. Che aspettano a scendere in piazza? Forse Pisapia si è dimenticato che deve governare, soprattutto , i cittadini più indifesi?

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 20/06/2013 - 12:56

quindi gaypride festa dell'omossessuale OGGETTO..come definirebbe la sinistra pelosa una festa delle donne "pornostar"

Ritratto di chris_7

chris_7

Gio, 20/06/2013 - 12:59

cmq quando facciamo una normal pride???????????????

andrea24

Gio, 20/06/2013 - 13:00

Inutile lamentarsi se poi votate sempre partiti che,oltre a contribuire a desovranizzare l'Italia,in quanto non nazionalisti,sostengono anche queste cose avverse all'ordine naturale,morale e sociale e contro i principi della Religione,e della cultura e fede cristiano-cattolica,così come di qualsiasi ordine antropologico.L'accusa di cosiddetta omofobia(come tante altre cose) è soltanto un ombrello che serve a determinate realtà ed a determinati poteri,di scudare la loro avanzata e la loro ricerca di consolidamento.

andrea24

Gio, 20/06/2013 - 13:06

In Nigeria hanno approvato una legge antiomosessualista e gli occidentali hanno minacciato di ritirare gli aiuti all'Africa.

hellas

Gio, 20/06/2013 - 13:09

Ma cari signori commercianti, il sindaco Pisa e poi Pia aveva chiaramentre detto che le sue priorità non eravate voi, il commercio, la Milano produttiva e magari un po' fascista ..... no, no, a lui interessano i rom, i gay, i trans, i centri sociali che " producono cultura ", e quindi la domanda è : quanti di voi lo hanno votato ? Probabilmente moltissimi, visto che ha vinto facilmente, e dunque chi è causa del suo mal pianga se stesso. Quanto ai gay, il loro orrendo spettacolo , la loro trivialità gioiosa sono benzina sul fuoco dell'omofobia, e non se ne rendono conto ....

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 20/06/2013 - 13:17

Se analoghe raccapriccianti sconcezze dovessero verificarsi in una sfilata composta da soggetti eterosessuali di ambo i sessi le autorità preposte, ivi comprese quelle ecclesiastiche, non esiterebbero a censurare e revocare tale tipo di manifestazione. Ma di fronte alla "gaytudine" non c'è raccapriccio che tenga.

nonnoaldo

Gio, 20/06/2013 - 13:33

I commercianti di Corso Buenos Aires, invece di far chiacchiere, intraprendano una bella class-action contro Pisapia e la sua gang per ottenere la rifusione dei danni subiti. O temono che anche fra i giudici di Milano la gaytudine sia ormai diffusa?

degrel0

Gio, 20/06/2013 - 14:18

Milanesi babbei,non vi andava bene la seria Letizia Moratti e avete preferito Pisapippa e i suoi pagliacci e adesso beccatevi il kekka-pride!

giovanni PERINCIOLO

Gio, 20/06/2013 - 14:46

Cari milanesi, l'avete voluto pisapippa??? ora godetevelo!

cecco61

Gio, 20/06/2013 - 14:56

Come ha detto Memphis se la stessa carnevalata sconcia la facessero degli eterosessuali scatterebbe la denuncia per atti osceni in luogo pubblico. Ma pur di farsi belli, buoni e raccattare voti si è disposti a tutto accusando gli altri di razzismo, omofobia e via discorrendo.

The_Dark_Inside

Gio, 20/06/2013 - 15:27

Ennesima dimostrazione di quel favor "favor ghei" che oramai dilaga imperante in ogni piega della vita civile...

tiptap

Gio, 20/06/2013 - 15:29

Allora, tutti quelli che hanno votato a sinistra facciano una riflessione e la prossima volta se ne ricordino! Sinistra vuol dire protezione per la violenza, l'oscenità, la delinquenza (categorie che votano a sinistra) e tasse ingiuste per tutti gli altri.

mariano1963

Gio, 20/06/2013 - 15:43

Sconvolto... spostare il Carnevale da Febbraio a Giugno?...

Ritratto di ferdnando55

ferdnando55

Gio, 20/06/2013 - 16:42

voi non ci arrivate alle prossime elezioni comunali, vi scoppia il fegato prima hahahahah