Ciak, si gira di nuovo Milano set di Bollywood

Fulcro italiano dell'economia, della moda, del design e della creatività, alla vigilia dell'Expo Milano affila le armi per confermarsi anche capitale del cinema e meta privilegiata di cine-turismo. Giusto nei prossimi giorni, ad esempio, sbarcherà di nuovo in Lombardia lo scoppiettante universo di Bollywood, la prolifica industria indiana della pellicola (tre volte più attiva della vera Hollywood!) che ormai da queste parti si sente a casa. A fare da «ponte» tra l'esotica India e i più familiari paesaggi nostrani è ancora una volta Lombardia Film Commission (www.filmcomlombardia.it), fondazione non profit che ha lo scopo di diffondere l'immagine della nostra regione in Italia e nel mondo attraverso la promozione di film, fiction, spot, documentari girati sul territorio. E questa volta la posta in palio è alta: parliamo di Rangbaaz, il film bollywoodiano più atteso del momento, prodotto dalla Surinder Films di Calcutta. Il film (regia di Debajit Chanda), segue le vicende di Ajay, un ragazzo che in poco tempo si trova prima orfano, poi addirittura in carcere. Una volta libero, si mette a caccia degli assassini dei suoi genitori. Il cast, d'eccezione, allinea le star bollywoodiane Dev e Koel Mallick e il coreografo Rajesh Yadav. Trame semplici, colori, musiche, canzoni e balli senza sosta. Ed è proprio per la coreografia della canzone principale che sono stati scelti meravigliosi angoli di Lombardia: la scaletta delle riprese, che partiranno sabato 24, prevede infatti il centro storico di Como, piazza città di Lombardia a Milano (domenica 25), il centro di Bellagio (lunedì 26) e, ancora in forse, la Stazione Centrale di Milano (martedì 27). Un rapporto, quello tra cinema indiano e Lombardia, che è ormai una realtà consolidata, come ricorda il direttore generale di Lombardia Film Commission Alberto Contri: «Si tratta dell'ottava produzione di Bollywood che ospitiamo». L'anno scorso è stata la volta della commedia romantica Ajab Gazabb Love di Sanjay Gadhvi, che ha portato centinaia di curiosi e appassionati, fin dalle prime luci dell'alba, tra il Duomo e piazza della Scala, dove i protagonisti del film recitavano la parte di due innamorati in vacanza. Ma cos'è che piace tanto alle produzioni bollywoodiane? «Le ottime location, i servizi di qualità e la snellezza burocratica fanno tornare produzioni che già ci conoscono, mentre ne giungono di nuove in base alle referenze di quelle che hanno vissuto una buona esperienza». Non si contano, poi, le produzioni di casa nostra, tra fiction e lungometraggi già girati o attesi nei prossimi mesi su set lombardi.