Cinese cerca di strangolare la moglie, poi ferisce il figlio con una mannaia

Ennesimo episodio di violenza a Rho dove un pregiudicato cinese ubriaco ha aggredito la sua famiglia

Prima cercato di strangolare la sua compagna, poi si è avventato contro uno dei suoi figli. È successo a Rho, vicino Milano, nella notte tra lunedì e martedì quando un pregiudicato cinese di 40 anni, in preda all’alcool, ha aggredito i suoi familiari.

L'uomo, stando a una ricostruzione dei carabinieri, ha dato inizio a una lite notturna nel corso della quale ha preso a calci e pugni la sua compagna ma non è riuscito nell’intento di strangolarla soltanto grazie all’intervento di uno del figlio di 17 anni. Il cinese, a quel punto, ha aggredito il ragazzo e, con una mannaia, lo ha ferito a una spalla. A chiamare i soccorsi è stato il fratello di 13 anni e, grazie a lui, il ragazzo è stato accompagnato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale Sacco di Milano dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico, per via di una lacerazione del muscolo.

Sua madre ha riportato qualche tumefazione al volto e lesioni sul collo, mentre a lui i medici hanno dato una prognosi di 40 giorni. Il 40enne, invece, è stato fermato e arrestato dai carabinieri della compagnia d Rho che lo hanno trovato in casa dove aveva pulito e nascosto la mannaia. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, riferisce Milanotoday, il cinese aveva già picchiato la moglie, ma alle violenze non era mai seguita nessuna denuncia.