In città 100mila case vuote: «assicurazione» per affittarle

Il Comune lancia l'Agenzia sociale per una locazione «sicura» Prezzi calmierati ma una garanzia se l'inquilino non paga

Ci sono settanta-centomila alloggi privati sfitti in città, di ogni dimensione. E ogni anno - per contro - scattano 17mila richieste di sfratto per morosità (2.500 circa quelle che vengono materialmente eseguite). Una situazione, aggravata dalla crisi, che l'assessore comunale al Demanio Daniela Benelli definisce «ormai insostenibile. Chi ha un secondo alloggio spesso preferisce tenerlo vuoto perchè teme che l'inquilino non paghi, ci sono migliaia di famiglie invece che hanno temporanee difficoltà economiche, dovuta alla perdita del lavoro, a cui tra Aler e Mm non riusciamo a garantire un alloggio a canone agevolato» Con l'Agenzia sociale per la locazione presentata ieri da Comune e Fondazione Welfare Ambrosiano, a cui è affidata la gestione, si offrirà una «terza via» tra la casa popolare e quella ai prezzi di mercato a chi è in difficoltà. I proprietari riceveranno tutele nel caso in cui l'inquilino sia inadempiente. Con un fondo di partenza pari a 6,7 milioni di euro garantiti da Comune, Regione e governo, l'Agenzia offrirà incentivi e fondi di garanzia per ridurre gli sfratti e la morosità».