LA CLASSIFICA MONDIALEBiomedica, cinque «cervelloni» made in Lombardia

«C'è una buona notizia che arriva per Regione Lombardia dalla classifica dei “400 cervelli della ricerca biomedica mondiale” pubblicata dalla rivista European Journal of Clinical Investigation. Di questi 400 scienziati al mondo, ritenuti il top della ricerca biomedica mondiale, 6 sono italiani e, di questi, 5 lavorano nelle strutture sanitarie della Lombardia».

Il presidente lombardo ha sottolineato come il secondo posto della classifica sia occupato da Carlo Maria Croce, che è vice presidente del Centro di ricerca regionale di Nerviano (Nerviano Medical Sciences).
Gli altri scienziati sono: Alberto Mantovani, immunologo edirettore scientifico direttore scientifico dell'Irccs Humanitas di Rozzano e docente dell'Università degli Studi di Milano; Giuseppe Remuzzi, nefrologo, direttore del Dipartimento trapianti dell'Azienda ospedaliera Papa Giovannni XXIII e coordinatore delle ricerche presso l'Istituto Mario Negri di Bergamo; Alberto Zanchetti, dell'Università degli Studi di Milano e Giuseppe Mancia, dell'Università di Milano Bicocca, padri mondiali della ricerca sull'ipertensione; Antonio Colombo, cardiologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.