Commissione d'inchiesta, ora ci prova la Regione

Dopo due voti flop in Comune, i 5 Stelle spostano la battaglia al Pirellone

Maria SorbiCon due fumate nere e un quorum mai raggiunto, non ce l'hanno fatta in Comune ad approvare quella commissione d'inchiesta incaricata di fare chiarezza sui conti occulti di Expo. Ci riprovano in Regione. Il Movimento Cinque Stelle ha presentato la richiesta al Consiglio lombardo e ha rivendicato la presidenza dell'eventuale «pool». La commissione dovrebbe analizzare gli esiti della gestione di Expo spa, accertare i risultati economici della società, incarichi, contratti, entrate e uscite. «La situazione di Expo è tutto fuorché trasparente, e Sala si presenta come paladino ma gioca con parole e numeri» sostiene il capogruppo regionale del Movimento Stefano Buffagni. «Abbiamo già ribadito la nostra volontà di chiedere un'interrogazione parlamentare - aggiunge la candidata grillina Patrizia Bedori - Sala deve tirare fuori i conti. Come può un candidato sindaco continuare a negare la trasparenza proprio ai cittadini che vorrebbe governare? E, quel che è peggio, il Pd glielo permette, anzi: anche Balzani e Majorino gli avevano chiesto trasparenza durante le primarie, adesso se ne sono dimenticati?». L'iniziativa ha il sostegno del centrodestra ma viene ostacolata dal centrosinistra. Nessuna sorpresa. «È una sceneggiata fatta solo a fini elettorali che non serve a nulla» commenta il coordinatore regionale del partito, Alessandro Alfieri, in difesa del manager-candidato sindaco. «Expo - getta acqua sul fuoco - è stato un grande successo grazie a Sala e alla collaborazione tra il Comune di Milano e Regione. Una collaborazione che sta proseguendo sul post Expo e nel percorso che vedrà la presentazione ad aprile del bilancio. Sarebbe quindi singolare vedere Maroni e i suoi sostenere una commissione di inchiesta su se stessi». Instancabile, dopo il fallimento in Comune, il consigliere di Fratelli d'Italia Riccardo De Corato, è di nuovo alle prese per raccogliere le firme necessaria ad approvare la commissione. Stavolta tra i banchi della Regione. «Ci vogliono 27 firme - spiega, determinato nel voler fare chiarezza sui conti Expo - Certo, sarebbe stato meglio aspettare il voto di lunedì in Consiglio comunale: nel caso infatti la commissione venisse fatta lì, sarebbe inutile farne un doppione in Regione. Comunque l'importante è fare chiarezza. Abbiamo il diritto e il dovere di conoscere i conti nel dettaglio». a Lega è favorevole alla commissione. E presenterà una proposta di maggioranza «per evitare qualsiasi strumentalizzazione in salsa grillina». «È importante capire quali siano i conti di Expo - precisa il capogruppo Massimiliano Romeo - anche alla luce dei passaggi societari che stanno riguardando il futuro delle aree».