Comune, ecco le nuove tasse E addio ai lavori per il Lirico

Irpef comunale, si cambia ancora. Il Comune ci ha ripensato: niente scaglioni di reddito, l'aliquota si alzerà per tutti dallo 0,4 allo 0,8% e i consiglieri in aula lavoreranno sull'innalzamento della soglia di reddito, da 15mila a 20-22mila euro. Fin dove si potrà arrivare. Parte della manovra dipende da un terzo aumento «virtuale» dell'Imu prima casa, allo 0,6%. Che rischia di diventare sempre più reale per i milanesi. I 13 milioni dai rincari comunque dovrebbero alleggerire la manovra Irpef. Ieri l'assessore Balzani ha contestato di nuovo la frenata del ministri Delrio sulla copertura totale dell'Imu ai Comuni che hanno alzato l'imposta dopo la cancellazione della stessa. «Se non arriveranno i fondi garantiti dal premier Letta siamo pronti a protestare duramente in tutte le sedi istituzionali». Ma il buco «virtuale» intanto rischia i allargarsi a 10108 milioni e la Lega avverte: «É un falso in Bilancio, tirate fuori il piano b». Il Pd intanto ha chiesto al sindaco di bloccare il restauro del Lirico («meglio usare 18 milioni su biblioteche e scuole») e promette esenzioni sugli abbonamenti Atm.