Il Comune di Milanoregala ai musulmanialtri 90mila euro

Emergenza infinita per la preghiera del venerdì. Tra pochi giorni scade l’affitto del tendone-moschea a Lampugnano ma è già pronta la terza proroga

La chiamavano «soluzione provvisoria». Con la prossima proroga, i fedeli musulmani raggiungeranno un anno di preghiera sotto la moschea-tendone montata nell’ottobre scorso dal Comune di fianco al Palasharp, zona Lampugnano. Il conto per i primi tre mesi era stato di novantamila euro, a carico dei milanesi. Bisognava pagare sia l’installazione che l’affitto della tensostruttura fornita dalla ditta Tensotend spa. L’«emergenza» non è finita a gennaio, tant’è che «per il tempo strettamente necessario», come aveva spiegato il vicesindaco Maria Grazia Guida, la concessione dei due tendoni a inizio anno è stata allungata per altri cinque mesi. La spesa è visibile a tutti sull’Albo pretorio: altri novantamila euro per il periodo 11 gennaio 2012-10 giugno 2012, ossia domenica prossima. Nei giorni scorsi il consigliere leghista Alessandro Morelli, mentre si discuteva di tagli al Bilancio 2012, ha avvertito: «Tra pochi giorni termina la copertura dei costi d’affitto e la giunta, che solo quest’anno ha già buttato dalla finestra 90mila euro dei milanesi non sa ancora che pesci pigliare. Non penserà di spendere altri soldi? Sta diventando una tassa di scopo pro-moschea». I tecnici in realtà stanno definendo solo la nuova convenzione, «dovremo prorogare ancora l’affitto della tensostruttura vicino al Palasharp - ammette l’assessore alla Sicurezza Marco Granelli -, immagino che sarà l’ultima volta». Ma almeno per altri cinque mesi, e «presumibilmente si spenderanno ancora 90mila euro». Fanno circa 500 euro al giorno, ma è facile intuire che la spesa per l’utilizzo effettivo salirebbe esponenzialmente contando che i fedeli si recano a Lampugnano per la preghiera del venerdì.
Era stato il prefetto nel 2008 a dichiarare l’emergenza, per evitare l’occupazione dei marciapiedi di viale Jenner il venerdì aveva imposto il trasloco al Palasharp, senza oneri per il Comune (il centro islamico pagava un affitto per le giornate di affitto al gestore dell’impianto). Quando è iniziato lo smantellamento del palazzetto lo scorso ottobre, la giunta di sinistra si è fatta carico di quello che il vicesindaco aveva definito un «servizio di accoglienza». Il Comune affitta il tendone, il Centro islamico paga le utenze e l’occupazione del suolo pubblico. «Con lo strumento del Pgt troveremo una soluzione definitiva - spiega Granelli - ma l’approvazione del Piano in aula è arrivata solo una settimana fa». Dunque: avanti con la terza proroga, che formalmente dovrebbe essere confermata dalla giunta nella seduta di venerdì prossimo.
E la moschea di Lampugnano potrebbe ospitare anche la festa di «Aid al fitr», la festa con cui il 19 agosto si chiuderà il Ramadan. I 14 centri islamici che aderiscono al Caim (il coordinamento delle moschee milanesi) hanno deciso per la prima volta di unirsi per una grande preghiera collettiva. Il luogo «è da definire - spiega il portavoce Davide Piccardo - ma potrebbero arrivare decine di migliaia di fedeli». La Casa della cultura islamica di via Padova invece celebrerà da sola la fine del Ramadan.
Commenti

cast49

Dom, 03/06/2012 - 11:29

ed io pago!!!!!!!!!!!!

cast49

Dom, 03/06/2012 - 11:29

ed io pago!!!!!!!!!!!!

gibuizza

Dom, 03/06/2012 - 11:39

Le persone di tutte le comunità religiose quando devono pregare, se non possono fare altro, pregano nella loro stanza, eccetto i musulmani che devono per forza pregare sui marciapiedi delle strade, perché? Anche loro devono adeguarsi, se non hai la chiesa te la costruisci con i tuoi soldi sul tuo terreno altrimenti preghi, come tutti, a casa tua.

AnnoUno

Dom, 03/06/2012 - 11:47

La signora vicesindaco, sicuri che si chiami Guida e non Giuda? Un'idea per recuperare i 90mila potrebbe essere quella di portare il biglietto dei mezzi che hanno come destinazione il tendone a 2euro e non prevedere esenzioni buoniste (o di integrazione multirazziale e multiculturale o putt..te del genere). I fratelli musulmani saranno lieti di contribuire, pagando il pedaggio, alla loro sistemazione e così ogni venerdì si dovrebbero incassare circa 2000mila euro. Come, a Milano c'è Pisapippa? Ah, alloraaaa...

gibuizza

Dom, 03/06/2012 - 11:39

Le persone di tutte le comunità religiose quando devono pregare, se non possono fare altro, pregano nella loro stanza, eccetto i musulmani che devono per forza pregare sui marciapiedi delle strade, perché? Anche loro devono adeguarsi, se non hai la chiesa te la costruisci con i tuoi soldi sul tuo terreno altrimenti preghi, come tutti, a casa tua.

AnnoUno

Dom, 03/06/2012 - 11:47

La signora vicesindaco, sicuri che si chiami Guida e non Giuda? Un'idea per recuperare i 90mila potrebbe essere quella di portare il biglietto dei mezzi che hanno come destinazione il tendone a 2euro e non prevedere esenzioni buoniste (o di integrazione multirazziale e multiculturale o putt..te del genere). I fratelli musulmani saranno lieti di contribuire, pagando il pedaggio, alla loro sistemazione e così ogni venerdì si dovrebbero incassare circa 2000mila euro. Come, a Milano c'è Pisapippa? Ah, alloraaaa...

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 03/06/2012 - 12:23

E una bella cosa aiutare i musulmani, i sinistroiti fanno a gara con la caritas e la comunita di sant egidio a chi e´ piu generoso .Ma i sauditi finanziano solo le moschee di londra ,berlino e roma ? Se ritornassi indietro di secoli con il senno del poi, andrei volentieri alle crociate.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 03/06/2012 - 12:23

E una bella cosa aiutare i musulmani, i sinistroiti fanno a gara con la caritas e la comunita di sant egidio a chi e´ piu generoso .Ma i sauditi finanziano solo le moschee di londra ,berlino e roma ? Se ritornassi indietro di secoli con il senno del poi, andrei volentieri alle crociate.

faustinoo

Dom, 03/06/2012 - 12:30

Regala? Perchè gli operai e gli altri lavoratori musulmani non pagano le tasse in busta paga come gli altri?

faustinoo

Dom, 03/06/2012 - 12:30

Regala? Perchè gli operai e gli altri lavoratori musulmani non pagano le tasse in busta paga come gli altri?

fumonero

Dom, 03/06/2012 - 13:51

milanesi è ora che vi ribellate a questo sindaco che non vi rappresenta.SVEGLIATEVI

fumonero

Dom, 03/06/2012 - 13:51

milanesi è ora che vi ribellate a questo sindaco che non vi rappresenta.SVEGLIATEVI

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 13:57

La avete voluta questa Giunta? adesso godetevela.

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 13:57

La avete voluta questa Giunta? adesso godetevela.

warraich

Dom, 03/06/2012 - 14:50

"Regala" perché i musulmani non hanno pagato le tasse... i soldi che prendono i giornali quelli sono regalati.. ma non vi vergognate a pubblicare queste notizie per creare odio sociale.

mariorossi98

Dom, 03/06/2012 - 14:55

pisapia è un essere indegno

warraich

Dom, 03/06/2012 - 14:50

"Regala" perché i musulmani non hanno pagato le tasse... i soldi che prendono i giornali quelli sono regalati.. ma non vi vergognate a pubblicare queste notizie per creare odio sociale.

mariorossi98

Dom, 03/06/2012 - 14:55

pisapia è un essere indegno

Ac1da

Dom, 03/06/2012 - 15:01

Beh considerato che regalalimo 6 MILIARDI all anno alla chiesa cattolica e si sono spesi 13 MILIONI per la visita del papa a milano, direi che i mussulmani sono molto piu' economici. Ce ne fossero!

orso bruno

Dom, 03/06/2012 - 15:17

Il motivo potrebbe essere molto più semplice:nel comune di Milano a qualcuno piace vedere tutti quei c..i per aria.........

Hamlet

Dom, 03/06/2012 - 15:23

Come mai non vi chiedete quanto è costata la visita del papa in solo 2 giorni? Forse i musulmani hanno meno diritti dei cattolici di pregare il loro Dio? E la chiesa cattolica si becca pure l'otto per mille e tanti altri regali mascherati

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 15:34

Ac1da, "ce ne fossero"......? Ma ne vuole ancora altri? Non le bastano quelli che già ci sono? Cosa fa lei, vende burka e turbanti?

mariorossi98

Dom, 03/06/2012 - 16:02

il parallelo tra la visita del papa e i musulmani ospiti alquanto sgraditi è veramente da idioti

Maria Lorena Garolfi

Dom, 03/06/2012 - 16:05

A questo seve l'aumento delle tasse caro Pisapia? A mantenere i musulmani? Abbiamo un Sindaco incapace!

roberto87mi

Dom, 03/06/2012 - 16:13

Berlusconi ha regalato 5 MILIARDI di euro a Gheddafi.....non mi ricordo un articolo su questo....

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Dom, 03/06/2012 - 16:29

Il problema non è la comunità musulmana di Milano, ma la comunità milanese di Milano. Quella sta veramente scomparendo, è una specie in via d'estinzione. Propongo di salvare almeno cento milanesi di Milano e portarli in una riserva controllata, in modo che tra cinquant'anni qualche esemplare sopravviva ancora.

Hamlet

Dom, 03/06/2012 - 16:33

@ mariorossi98: infatti la visita dl papa è costata molto di più. E poi chissà per quanti sarà lei l'ospite sgradito...

ilredelcongo

Dom, 03/06/2012 - 16:32

La chiesa non paga l'imu sugli immobili commerciali. Danno erariale pari a circa 1500 milioni di euro. Se qualche decerebrato ha ancora voglia di lamentarsi per due spiccioli.

Hamlet

Dom, 03/06/2012 - 16:41

@mariorossi98: ha ragione, sarebbe come fare il paragone fra lei e un essere pensante....

giuliana

Dom, 03/06/2012 - 16:46

Noto con disgusto che in tanti blaterano a vanvera quando si tratta di islam e continuano a fare confronti con la chiesa cattolica e altre confessioni religiose. La differenza è sostanziale. L'art. 8 Cost. 2°comma prevede un filtro per selezionare quali confessioni religiose possono essere autorizzate. Si guarda al contenuto degli statuti in base ai quali si organizzano. Se così non fosse, qualunque associazione a delinquere che si spacci per religione potrebbe essere autorizzata a organizzarsi sul territorio italiano. L'islam è un'ideologia totalitaria che per mettere radici si spaccia per religione. Non potrà MAI avere alcuna autorizzazione dallo Stato italiano, perchè la shari'a, la legge sulla quale si regola OBBLIGATORIAMENTE la vita di ogni credente (e che regola anche l'aspetto religioso), discrimina tra uomo e donna, non rispetta il diritto fondamentale di libertà di ogni essere umano-tra cui il diritto di libertà di scelta religiosa-. E' addirittura prevista la pena di morte per chiunque abbandoni l'islam o per chi si comporti in modo dissimile agli insegnamenti coranici. Le moschee e i centri culturali islamici sono ILLEGALI sul nostro territorio in quanto sono lo strumento attraverso il quale si organizza l'ideologia-confessione religiosa islamica. TUTTE LE MOSCHEE SONO ILLEGALI, compresa quella di ROMA. La disgrazia degli italiani è avere dei giudici che non fanno rispettare le leggi e un presidentedella repubblica che, pur riempendosi la bocca di Costituzione, non l'ha mai neppure letta.

mariorossi98

Dom, 03/06/2012 - 16:51

che poi hamet detto da te è quasi un complimento

mariorossi98

Dom, 03/06/2012 - 16:56

giuliana,io non ne faccio una questione di religione,visto che vivrei bene anche senza le chiese,è che quello che voi chiamate integrazione è la più grossa pagliacciata che ci sia,visto che se non lo avete ancora capito questi non vogliono integrarsi ma semplicemente farsi i ***** loro e non seguire nessuna regola della nazione che li ospita(malvolentieri)

giuliana

Dom, 03/06/2012 - 17:00

Mentre l'ideologia totalitaria islamica procede a veri e propri genocidi in ogni parte del mondo, qui abbiamo degli idioti che si scappellano quando i musulmani li fanno fessi invocando per sè quella libertà che loro non concedono a nessuno. E' vero che in Italia la costituzione garantisce a tutti il diritto di professare la propria religione, ma non tutte le religioni hanno l'autorizzazione di organizzarsi come vogliono. Se non rispettano i diritti umani, non hanno alcun diritto. Le moschee e i centri culturali sono gli strumenti attraverso i quali l'islam si organizza in modo illegale sul nostro territorio. Se lo Stato italiano dovesse autorizzare l'islam, dovrebbe aurorizzare qualunque associazione criminale che si dichiari confessione religiosa. Anche la mafia, se si dichiarasse associazione religiosa, potrebbe essere legalizzata. E perchè no il kukluxklan o un'associazione di cannibali? In fin dei conti anche il cannibalismo è una forma di religione.

giuliana

Dom, 03/06/2012 - 17:12

Noto con disgusto che in tanti blaterano a vanvera quando si tratta di islam e continuano a fare confronti con la chiesa cattolica e altre confessioni religiose. La differenza è sostanziale. L'art. 8 Cost. 2°comma prevede un filtro per selezionare quali confessioni religiose possono essere autorizzate. Si guarda al contenuto degli statuti in base ai quali si organizzano. Se così non fosse, qualunque associazione a delinquere che si spacci per religione potrebbe essere autorizzata a organizzarsi sul territorio italiano. L'islam è un'ideologia totalitaria che per mettere radici si spaccia per religione. Non potrà MAI avere alcuna autorizzazione dallo Stato italiano, perchè la shari'a, la legge sulla quale si regola OBBLIGATORIAMENTE la vita di ogni credente (e che regola anche l'aspetto religioso), discrimina tra uomo e donna, non rispetta il diritto fondamentale di libertà di ogni essere umano-tra cui il diritto di libertà di scelta religiosa-. E' addirittura prevista la pena di morte per chiunque abbandoni l'islam o per chi si comporti in modo dissimile agli insegnamenti coranici. Le moschee e i centri culturali islamici sono ILLEGALI sul nostro territorio in quanto sono lo strumento attraverso il quale si organizza l'ideologia-confessione religiosa islamica. TUTTE LE MOSCHEE SONO ILLEGALI, compresa quella di ROMA. La disgrazia degli italiani è avere dei giudici che non fanno rispettare le leggi e un presidentedella repubblica che, pur riempendosi la bocca di Costituzione, non l'ha mai neppure letta.

plaunad

Dom, 03/06/2012 - 17:14

Hamlet, ma perché non se ne va a vivere in un bel Paese musulmano? Vedrà come ci si troverà bene......

Franco-a-Trier

Dom, 03/06/2012 - 19:03

Sarebbe meglio aiutare e finanziare italiani bisognosi,70 anni fa queste ingiustizie non succedevano.

graffias

Lun, 04/06/2012 - 01:00

Visti gli esempi di democrazia che la cosiddetta cultura islamica sparge per il mondo intero e ,vista la pericolosità reale di questi bravi musulmani , prima che qualche shaid si faccia esplodere per andare in Paradiso , perché al minimo segno di fanatismo non li rimandiamo a casa loro per direttissima e senza processo? Come diceva un celebre filosofo e politico marxista : la democrazia va difesa ! quindi difendiamola..............almeno fino a quando c'è.