Contapersone in Duomo per live a numero chiuso

Solo 23500 persone al concerto di Radio Italia Nove accessi presidiati con i metal detector

Concerto a numero chiuso. A una settimana di distanza dal grande performance dell'Orchestra Filarmonica della Scala diretta da Riccardo Chailly, si ripete il copione. Domenica infatti torna la grande musica pop di Radio Italia live che porta per il sesto anno consecutivo i grandi successi in piazza del Duomo. Alessandra Amoroso, Benji&Fede, Andrea Bocelli, Emma, Francesco Gabbani, Giorgia, J-Ax&Fedez, Fiorella Mannoia, Nek, Samuel, Umberto tozzi si esibiranno alle 19 davanti un pubblico contingentato: 23500 è la capienza massima stabilita dalla Prefettura per piazza Duomo. Il «numero chiuso per i concerti - ha spiegato l'assessore alla Sicurezza del Comune Carmela Rozza al termine del Comitato per l'ordine e la sicurezza che si è tenuto ieri mattina in Prefettura - in piazza Duomo è quello che era stato ipotizzato domenica scorsa per il concerto della Filarmonica della Scala».

Personale attrezzato con i conta persone verificherà gli ingressi ai nove varchi che permetteranno l'accesso in piazza. Gli steward e i vigili schierati controlleranno anche le aree circostanti ai varchi: superata la capienza limite d spettatori, infatti, non si potrà in alcun modo accedere alla piazza. Attenzione: non sarà possibile nemmeno sostare davanti all'ingresso o nelle vicinanze per motivi di sicurezza - fanno sapere da Palazzo Marino - «chi rimarrà fuori sarà dunque invitato ad allontanarsi e a tornare a casa - ha spiegato l'assessore -. Ci saranno comunque presidi di controllo» qualora qualcuno facesse resistenza. «Noi invitiamo i cittadini a non assembrarsi - continua la titolare alla Sicurezza - chi vuole assistere al concerto arrivi per tempo. Ci saranno uscite di sicurezza che verranno attivate solo se c'è una criticità».

Il piano B? ovvero il maxischermo? Non è previsto quest'anno: sarebbe stato come avere un'altra piazza da gestire. «Un maxi schermo determina un assembramento di persone che poi andrebbe controllato, secondo le regole rigorose stabilite dal capo della polizia» spiega l'assessore. L'impegno che metterà in campo per questa occasione la polizia locale è di 135 agenti. «Faremo il controllo ai varchi - conclude Rozza - e ci sarà un forte impegno per controllare che i negozi non vendano lattine e bottiglie di vetro e contro gli abusivi». Divieto estremamente rigido che sarà fatto rispettare fin dalla sera precedente. Impossibile anche portare bottiglie e lattine da casa, e qualsiasi tipo di superalcolico.

Gli organizzatori ricordano che la Fermata Duomo della metropolitana sarà chiusa. Sarà possibile utilizzare le stazioni di Cordusio e San Babila (M1) e di Missori e Montenapoleone (M3) fino a mezzanotte e mezza. «L'invito per tutti è di arrivare in Piazza nella tarda mattinata di domenica». Attenzione, come per ogni grande evento steward e polizia controlleranno borse e zaini (vietato portare valigie e trolley): vietato portare qualsiasi bomboletta spray, trombette da stadio, fumogeni, pietre, coltelli e lame, catene, bevande alcooliche di qualsiasi gradazione, materiale infiammabile.

Commenti

Italianisvegliatevi

Gio, 15/06/2017 - 10:38

L'assessora Rozza (è il cognome, non un aggettivo...) impedisce ai Milanesi di accedere a Piazza del Duomo mentre non pone limiti all'invasione della città da parte di gente senza futuro, questa è la Milano della sinistra

Zizzigo

Gio, 15/06/2017 - 11:41

Perché queste manifestazioni non si svolgono in aree più adatte? c'è qualcuno che porta a spasso il cane in sala da pranzo?