Controlli sui Navigli, tre vigili restano feriti

Medicati al Policlinico, prognosi di sette giorni De Corato: «Da gennaio 90 casi del genere»

Ancora una volta ghisa vittime della violenza di cittadini extracomunitari. È accaduto l’altra notte, in zona Navigli. Sul posto per vigilare l’area principale della movida milanese, una pattuglia della polizia municipale ha fermato un uomo di nazionalità marocchina, in evidente stato di alterazione psicofisica. L’extracomunitario è risultato a un primo controllo avere un permesso di soggiorno non in regola. Portato quindi presso gli uffici del Reparto radio mobile per ulteriori accertamenti, al momento di scattare le fotografie per il fotosegnalamento il marocchino ha aggredito il personale della stazione, rompendo una sedia e ferendo tre agenti che cercavano di fermarlo.
«I vigili feriti - ha dichiarato il vicesindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato - stavano prestando servizio nell’ambito della task force istituita lo scorso maggio, che opera sui Navigli tutti i giorni dalle 19 fino alle 4. Un servizio importante per garantire il rispetto delle regole, oltre che dare ausilio al personale Amsa per il ripristino del decoro dell’area».
I tre ghisa aggrediti sono stati visitati al Policlinico e dimessi con due prognosi di sette giorni e una di cinque. L’extracomunitario è stato invece segnalato all’Autorità giudiziaria.
«La capillare presenza sul territorio - ha aggiunto De Corato - espone gli agenti al rischio di aggressioni e incidenti. Dall’inizio dell’anno si contano circa 90 episodi del genere e nella maggior parte dei casi a rendersi responsabili delle aggressioni sono cittadini extracomunitari».