Coppa Agostoni, Bernocchi e Tre Valli poi Cassani sceglierà la squadra per i mondiali Usa

Quasi seicento chilometri mettemdo insieme le tre gare. Seicento chilometri che sono la spina dorsale del «Trittico Lombardo» e che serviranno al commissario tecnico della nazionale azzurra Davide Cassani per chiarire gli ultimi dubbi prima di mettere nero su bianco la squadra che a Richmond in Virginia, dal 20 al 27 settembre, proverà a giocarsi il modiali di ciclismo. Va sempre così ormai. Le strade lombarde diventano in questo scampolo d'estate uno degli ultimi test premondiali. E così anche quest'anno al via ci saranno molti die migliori «pro» in circolazione ma soprattutto la nazionale azzurra e un Vincenzo Nibali in cerca di riscatto dopo la squalifica alla Vuelta di Spagna per essersi fatto trainare da un'ammiraglia.

Tre gare classiche che aprono una tre giorni che si annuncia ad alta intesità. Si comincia mercoledì 16 settembre con la 69esima della Coppa Agostoni, su un percorso di 180 km da Monza a Lissone (Monza e Brianza) particolarmente adatto ai velocisti. Il giorno dopo i ciclisti correranno la 97esima Coppa Bernocchi, con arrivo e partenza a Legnano (Milano), mentre il 30 settembre da Busto Arsizio (Varese) partirà la 95esima edizione della «Tre Valli Varesine» che si concluderà a Varese. «Il Trittico è un classico per noi lombardi e siamo lieti di sostenerlo come Regione, anche finanziariamente, con un contributo di 75.000 euro» ha spiegato il presidente lombardo Roberto Maroni ieri sul Belvedere di Palazzo Pirelli durante la presentazione della gara. Presentazione a cui è intervenuto anche il presidente della Federazione italiana di Ciclismo Renato Di Rocco e il presdiente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo. Il Trittico è un classico ma non solo perchè arriva proprio alla vigilia dei mondiali. É una gara che fa parte della storia di un territorio e della tradizione sportiva lombarda che pedalando ha scritto pagine indimenticabili. «Il ciclismo è una disciplina che tradizionalmente ci aiuta a mettere inmostra le bellezze dei nostri territori- ha spiegato l'assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia Antonio Rossi- Ma è anche uno sport che con la fatica e le vittorie di grandi campioni del pedale ha fatto grande questa regione».