Corso Sempione, fuga dalle fiamme

Decine e decine di telefonate hanno raggiunto ieri, poco dopo le 16, il centralino dei vigili del fuoco, per uno spaventoso incendio scoppiato all'interno di un bar ristorante in ristrutturazione, il «Five Diamonds» di corso Sempione 11, in piena zona pedonale, proprio nelle adiacenze dei locali più noti della movida intorno all'Arco della Pace. Il locale è stato raso al suolo nel giro di pochi minuti sembra a causa di un violento corto circuito. Le fiamme sprigionatesi dal rogo, altissime, hanno raggiunto addirittura il secondo dei sette piani dello stabile signorile, come dimostrano i minacciosi segni neri rimasti sulla facciata e i rami delle piante bruciate. Quel che non ha fatto il fuoco, poi, ha fatto l'alta colonna di fumo originata dall'incendio. Che ha costretto i vigili del fuoco a raggiungere l'area con ben cinque autobotti e a evacuare, con l'aiuto determinante della polizia e dei vigili urbani, quarantasei persone, tra i quali molti anziani bloccati su sedie a rotelle.
Sono stati i poliziotti, infatti, a portare fuori in spalla quattro anziani, tra i quindici residenti sfollati nello stabile. Aiutati in fretta a lasciare lo stabile anche quindici frequentatori del centro benessere «Eliseo» che si trova sempre all'interno del civico 11, molti dei quali sono stati costretti a uscire in strada con ancora l'accappatoio addosso. Altri sedici condomini (tra cui un invalido) infine sono stati obbligati ad abbandonare il palazzo attiguo, quello di corso Sempione 15. Persone in preda al terrore evacuate per i danni provocati dal fumo che ha invaso le scale. Persone che, comunque, in serata, sono riuscite tutte a rientrare in casa, tranne una coppia di 75enni residenti al primo piano di corso Sempione 11 la cui abitazione è stata letteralmente invasa dai vetri scoppiati.
Molta apprensione e tanta paura quindi ieri in questa prestigiosa zona residenziale. A sciogliersi in lacrime sono stati principalmente gli anziani. Che per qualche ora hanno temuto di poter restare in strada tutta la notte o, peggio, di non avere più un tetto. Alcuni di loro, invalidi, hanno pensato addirittura di non farcela a lasciare i loro appartamenti invasi dal fumo nero e denso. Tuttavia nonostante le ambulanze giunte sul posto nessuno ha avuto bisogno di ricorrere a cure ospedaliere.
Le fiamme hanno scatenato sgomento anche in un'altra zona della città, nello stabile di via Farini 72, un'ora e mezza più tardi, intorno alle 16.20. Un'auto parcheggiata nel cortile interno di un palazzo ha preso fuoco per ragioni ancora sconosciute e il rogo ha coinvolto non solo le altre tre vetture che erano lì accanto, ma anche la finestra dell'appartamento al pianterreno davanti al quale si trovavano. I proprietari dell'abitazione sono in ferie. Mentre i vigili del fuoco spegnevano le fiamme, sul posto sono arrivati anche vigili urbani impegnati a chiudere parte della carreggiata di via Farini invasa dal fumo.