Una costola della struttura genera la sorellina «Era È»

Ugo Pellegrino: «L'ex scuderia del castello della Rocchetta nuovo tassello della rinascita del Biellese»

Beatrice Coppola

Se ne era parlato in occasione del 7° Giro delle Valli Biellesi-Oasi Zegna, il prestigioso e tradizionale evento che, oltre a celebrare la bellezza delle auto e del paesaggio, ha incorniciato il nuovo Resort Wellness «Era È», nato da una costola del Santo Stefano Spa Relais. In perfetta armonia con il contesto della sobria e rilassante campagna di Sandigliano, infatti, la struttura battezzata come «la sorella» del Santo Stefano Spa Relais, la sontuosa location che ospita la prima e unica Nuxe Spa in Italia, con la sua architettura racconta di tradizione, guardando all'oggi e alle esigenze di una clientela raffinata che non si accontenta. Ecco perché Ugo Pellegrino, presidente e amministratore delegato di Maira Hotel e Relais Cascina Era, crede fortemente in questo progetto considerato un «nuovo tassello che porterà alla rinascita del Biellese».

«Dopo il Relais Santo Stefano, abbiamo plasmato la sorellina dice Pellegrino - Una volta, Era la Scuderia del Castello della Rocchetta; ora è un Resort che, indipendente dal Santo Stefano, con il suo giardino interno, il laghetto e la vista sul Castello, con le sue 26 Superior Suite, vive con un'anima che racchiude tutta la passione di chi, con tanto lavoro, ha permesso la realizzazione di questo ambizioso progetto».

Seguendo lo stesso stile e la stessa filosofia, infatti, il team che si dedica con passione al Santo Stefano Spa Relais, sta investendo energie e tanto cuore per la sorellina. Di grande charme, il Relais si presta ad ospitare il cliente che è alla ricerca di relax, di esperienze armoniose di rinascita del proprio corpo.

«Si tratta di una struttura in continuo miglioramento - aggiunge Pellegrino - Noi puntiamo a ottimizzare tutte le sue potenzialità. La zona benessere sarà ampliata e l'offerta spazierà fino a comprendere il nuovo ed esclusivo trattamento No gravity Gong . Oltre alla piscina esterna, già esistente, inseriremo nella struttura anche una vasca coperta. Il tutto con un'attenzione particolare alle esigenze dei disabili che avranno un accesso facilitato. E per la fine dell'anno, sarà inaugurato il nuovo polo sportivo che comprenderà tre campi da padel (due coperti e uno aperto), due campi da tennis, dotati di copertura invernale, un'area accoglienza, boutique e spogliatoi. Stiamo lavorando anche per creare una importante zona dedicata ai bikers che vorremmo inaugurare il prossimo settembre».

Un vulcanico Ugo Pellegrino, entusiasta delle novità, offre da anni il suo contributo lavorando con creatività e voglia di innovazione per il programma di sviluppo turistico del Biellese. Non a caso, infatti, a giugno il Team del Relais Santo Stefano, è stato premiato a Milano con il Positive Business Award, un premio concepito dalla Scuola Palo Alto per celebrare quelle aziende che, innovando, si distinguono e crescono mettendo al centro le persone e a frutto le loro risorse; e non è nemmeno un caso sia stato Paolo Zegna, rappresentante del gruppo Zegna, azienda biellese leader nel mondo del tessile, a consegnare il premio a Ugo Pellegrino. Proprio la positività di questo imprenditore ha rappresentato il motore che ha permesso la realizzazione di un primo capitolo del sogno biellese.

«Ho deciso - conclude - di investire su questo territorio perché ha un potenziale di grande sviluppo: il Biellese ripartirà alla grande perché ci sono molte persone che si stanno accorgendo di quanto sia bello, di quanto il turismo sia volano di sviluppo, permettendo alle famiglie di passarci giorni e settimane stando bene. Venite a Biella, perché è riconosciuto come uno dei posti più belli d'Italia».

E dopo il Santo Stefano Spa Relais, ora è la volta di «Era E'».