Il countdown in piazza comincia alle 21 "Niente botti e vetro"

Concertone in Duomo con Carboni e Fibra. Le raccomandazioni del Comune al pubblico per evitare code ai nove varchi

Per molti ma non per tutti, ormai è la legge dei grandi eventi all'aperto ai tempi del terrorismo. Questa sera countdown in piazza Duomo inizia alle 21 con «La discoteca nazionale» di Rtl 102.5 e il concertone «a numero chiuso» di Luca Carboni e Fabri Fibra. Per motivi di sicurezza la capienza è stata fissata a 20.070 persone, si potrà accedere da nove varchi controllati anche con i metal detector e per evitare code l'assessore comunale alla Sicurezza Carmela Rozza e alla Cultura Filippo Del Corno alla vigilia hanno lanciato le ultime raccomandazioni al pubblico che intende festeggiare il capodanno in piazza. «Vogliamo che sia una festa per tutti, per questo - avvertono - invitiamo i cittadini ad arrivare per tempo e a non portare con sè oggetti vietati come bottiglie di vetro, botti e aste per selfie. Questo creerà meno a code ai controlli e garantirà di entrare velocemente, visto che gli accessi sono contingentati. La responsabilità e il rispetto delle regole di ciascun cittadino aiuterà a garantire tranquillità e sicurezza e un Capodanno in allegria». In tutta l'area sarà vietato vendere e introdurre oggetti potenzialmente pericolosi come contenitori di vetro e lattine, materiale pirotecnico ed esplodente. A partire dalle 17 sarà chiusa la fermata Mm Duomo. Conviene utilizzare le fermate più vicine di Cordusio, San Babila, Missori e Montenapoleone. Il concerto invece finirà quindici minuti dopo la mezzanotte per consentire a tutti di rientrare con i mezzi pubblici, il servizio delle quattro linee metropolitane sarà allungato (solo sulle tratte urbane) fino alle due di notte. Per sorvegliare il centro e le periferie la polizia locale sarà in campo con 228 vigili. Schierati in maniera massiccia, anche in borghese, agenti di polizia, carabinieri, militari e forniranno supporto anche gli agenti penitenziari.

Per chi vuole finire il 2017 o iniziare l'anno nuovo tra le bellezze dell'arte, il Comune fa sapere che tutti i musei civici oggi saranno regolarmente aperti, con chiusure anticipate alle 14.30 per le mostre di Palazzo Reale. Mudec, Pac, Museo del Novecento. Domani invece saranno aperte dalle 14.30 alle 19.30 a Palazzo Reale le mostre dedicate a Toulouse-Lautrec, Nachtwey, Strehler e, fino alle 22.30, le mostre «Incantesimi» e «Dentro Caravaggio». Si potranno visitare «Revolution» e l'esposizione dedicata a Che Guevara alla Fabbrica del Vapore, Palazzo Morando, Museo del Novecento e Mudec. Si può ammirare anche oggi, dalle 9.30 alle 20 (ultimo ingresso alle ore 19.30) la «Sacra conversazione» di Tiziano esposta in Sala Alessi a Palazzo Marino fino al 6 gennaio. E come da tradizione il primo dell'anno nel Cortile d'onore di Palazzo Marino alle 10.30 si fa festa con il concerto delle bande cittadine, sarà presente anche il sindaco Beppe Sala che subito dopo andrà a salutare i vigili in servizio al comando radiomobile di piazza Beccaria.

Commenti
Ritratto di FoxMulder

FoxMulder

Lun, 01/01/2018 - 01:54

Splendida Milano che governi PD o destra sta sempre 100 spanne sopra la lurida Roma grillina.