Dai Pueri cantores ai vespri d'organo Al via un mese di musica nella cattedrale

Da stasera un ciclo di concerti per celebrare la Veneranda Fabbrica

Piera Anna Franini

Da giovedì, prende il via il mese della musica in Duomo. Cinque concerti, da oggi al 26 ottobre, alle 19.30, pensati per festeggiare la plurisecolare Veneranda Fabbrica, nata 630 anni fa. Come sede del ciclo è stata prescelta la cattedrale, anche se un concerto - a posti limitati - si terrà nella Chiesa di San Gottardo in Corte, la Cappella del Palazzo Reale, interamente restaurata dalla Veneranda Fabbrica in occasione di Expo. Si sfoggiano le due eccellenze della cattedrale: i pueri cantores della Cappella Musicale del Duomo, la più antica istituzione culturale milanese, attiva ininterrottamente dal 1402. Altra storia eccellente quella del grande organo della Cattedrale, iscritto nell'albo d'oro dei quindici organi più grandi del mondo, come del resto dimostrano le sue 15.800 canne che ne fanno - per dimensioni - il numero uno d'Italia.

Si parte stasera con il concerto d'organo con l'organista titolare, Emanuele Carlo Vianelli, e pagine di Johann Sebastian Bach, Marco Enrico Bossi, César - Auguste Franck, Charles - Marie Widor, Louis Vierne. Si tornerà al monumentale strumento il 19 ottobre con Alessandro La Ciacera, secondo organista del Duomo, impegnato in un programma novecentesco: fra Debussy e Messiaen. Mentre il 12 entra in campo la Cappella Musicale diretta da don Claudio Burgio che propone Canti della liturgia ambrosiana in onore del nuovo Arcivescovo, monsignor Mario Delpini. Il 24 si rispolvera un capolavoro del Quattrocento: la Missa Se la face ay pale del fiammingo Guillaume Dufay, ovvero il compositore più famoso della sua epoca. Si chiude in San Gottardo in Corte con una carrellata di Canti monodici e polifonici da Ambrogio al 1600, con la Cappella Musicale del Duomo diretta da Don Claudio Burgio. Con novembre, ogni secondo sabato del mese, dalle ore 16.30 alle ore 17.15, l'organista titolare del Duomo e il vice, più altri ospiti, si alterneranno all'organo per il ciclo dei «Vespri d'Organo». Tutto questo in una fase di grande fermento per la Veneranda Fabbrica, notoriamente in perenne attività e dunque bisognosa di sostegno costante. È di questi giorni la notizia che Esselunga ha fatto una donazione importante aderendo alla campagna «Adotta una guglia» per la raccolta fondi per i restauri della Cattedrale. «Il mio auspicio è che altri soggetti privati prendano spunto da tale esempio per unirsi alla nostra millenaria sfida contro lo scorrere del tempo», ha dichiarato il presidente della Veneranda Fabbrica, Fedele Confalonieri. Prima nel Cda, è in vetta al Duomo dopo essere subentrato a monsignor Borgonovo. La Fabbrica nacque per costruire e gestire la macchina del Duomo, conosce dunque una secolare, inarrestabile nonché proverbiale attività: in questi ultimi anni, anche musicale. E per questa avrà sicuramente un occhio di riguardo Confalonieri, forte di un diploma di pianoforte e un passato da presidente della Filarmonica scaligera.