Dai viaggi di Bach ai notturni alla francese: le "Geografie" musicali di MiTo s'allargano

Una mini-guida ai prossimi concerti della rassegna che ha invaso la città

Anche questa settimana - tra le offerte musicali - si riparte lungo gli itinerari scanditi dalle «Geografie» di MiToSettembreMusica. Un itinerario, quello di oggi, che ritorna a uno dei più grandi compositori della storia dell'Occidente: «In viaggio con Bach», lungo 25 anni di peregrinazioni, da Arnstadt a Weimar a Lipsia, compressi e restituiti all'ascolto da laBarocca, diretta da Ruben Jais, e dall'Ensemble Vocale laBarocca, diretto da Jacopo Facchini. Un evento in cartellone al Piccolo Teatro Studio Melato alle ore 17. E ancora, si approda alle «Terre Brahmsiane» alle 21 al Piccolo Teatro Grassi, spazi sonori esplorati da un duo d'eccezione formato da Daniel Müller-Schott al violoncello e Olli Mustonen al piano.

Infine almeno per quanto riguarda il 9 settembre, al crepuscolo firmato sempre MiTo, ecco i «Notturni Francesi» allo Spazio Teatro '89 sempre in serata: due strumenti normalmente lontani, l'arpa di Elena Piva e il corno di Stefano Buldrini (parte de I solisti de laVerdi) incontrarsi, per una volta, all'insegna della musica francese. Che esplorano nella sua veste notturna. Con una prima esecuzione assoluta. Altro giorno, altri concerti.

Domani la mappa geografica di MiTo si allarga a macchia d'olio, proponendo tre concerti che dal vecchio guardano al nuovo continente. Alle ore 21, al Teatro Dal Verme l'Orchestra del Teatro Regio guidata da Marin Alsop dedica una serata tutta a Brahms. Un giro per la Mitteleuropa a confermare una volta di più la dimensione e la forza della cultura centroeuropea del secondo Ottocento. Da qui, il viaggio riparte verso Nord per perdersi tra i fiordi norvegesi tra i quali echeggia evocativa la musica di Grieg interpretata dal duo Luca Colardo (violoncello) e Sandra Conte (pianoforte), alle 21 presso lo Spazio Teatro 89. Nel pomeriggio, invece, alle 17 al Mtm Teatro Litta in «American Beauty», l'Attacca Quartett volge lo sguardo oltremare e declina tre modi per guardare il mondo attraverso l'America. Proponendo anche una prima esecuzione in Italia della compositrice Premio Pulitzer, Caroline Shaw. Massima attenzione pure ai prossimi giorni, si segnalano: «Russie» agli Arcimboldi col direttore Chung e il pianista Romanovsky (mercoledì); «Nuovo mondo» giovedì al Dal Verme alle 21 e, dulcis in fundo, «Il cammino di Santiago» venerdì alle 21 presso la Chiesa di San Marco.

LuPav