Un decalogo per salvare piazza Oberdan

Le nuove linee guida approvate dalla giunta: stand piccoli, niente chioschi e colori omogenei

Piazza Oberdan non va violata. L'assessore all'Arredo urbano, Carmela Rozza, «detta» una serie di regole, approvate ieri in giunta per non rovinare l'assetto di un sito nuova di zecca. Potranno sostare solo per un giorno stand e gazebo di limitata grandezza, che portino eventi legati alla cultura. Dovranno avere colori che vanno dal crema all'ocra. Non potranno esservi strutture permanenti come le edicole e la piazza sarà solo pedonale, ovvero non vi potrà transitare alcun mezzo. L'eleganza di un luogo unico in città deve essere tutelata da una coscienza consapevole anche del cittadino.

Commenti

P2752

Lun, 21/03/2016 - 04:26

belle queste regole, le approvo! Il problema è che ci si dimentica che a 25 metri da questo luogo c'è un bivacco di extracomunitari sui giardinetti e le scalinate dei bastioni di Porta Venezia!!! gente che urina, dorme, mangia, sporca, abbandona vestiti ed altro, si ubriaca, rovina il verde, i fiori e le piante...però, che bella piazza Oberdan rinnovata con le regole per mantenerla elegante...e poco più in là?! chiudiamo gli occhi?!