Degrado, in città record di reati Anche i rom attaccano la giunta

A più riprese il sindaco Giuliano Pisapia ha fatto passare Milano per «una città sicura», in cui non servono ronde per le strade. Ma i dati del Viminale fotografano una situazione ben diversa. Secondo il ministero dell'Interno, infatti, dopo Roma e Napoli, Milano è infine la terza città d'Italia per numero di rapine. Quanto al volume totale dei delitti Roma supera di poco Milano (267mila contro 258mila). Nonostante una piccola flessione del 2,30%, Milano continua a essere di gran lunga la città dove si commettono più reati per abitante: per l'esattezza 8.438 ogni 100mila abitanti (257.988 quelli denunciati), seguita da Rimini.
Ma per Pisapia non finisce qui. Ad attaccarlo, ora, ci si mettono anche i nomadi. Ieri la Consulta dei rom, infatti, ha presentato una lunga lista di accuse alla giunta. E c'è anche il nuovo campo di emergenza in via Lombroso. È inutile e costoso, sostiene da mesi tutto il centrodestra. I rappresentanti dei nomadi confermano che «sarà un fallimento totale ed è «uno spreco assurdo di denaro pubblico». Quanto? Qualcosa come 2 milioni di euro.