Disastri meteo e terrorismo L'allarme arriva con un sms

Ma è polemica a Niguarda per la chiusura del comando dei vigili

Giusto un anno fa la Francia lanciava un'app per i cellulari dal nome Saip (Système d'alerte ed d'information des populations). Era la vigilia degli Europei di calcio 2016, con un'allerta anti-terrorismo altissima. Il Ministero dell'Interno promosse un'applicazione, messa a punto dopo la strage del 13 novembre 2015 al Bataclan, per avvisare i cittadini in caso di attentato in corso e per dare informazioni pratiche, come «allontanarsi dalla strada x» o «rimanere in casa». Il Comune è pronto a testare un sistema simile, partendo dalle emergenze meteo per arrivare ad estenderlo (si spera mai nella pratica) a problemi di sicurezza e casi di attacchi in corso. L'assessore Carmela Rozza ha illustrato ieri il progetto al questore Marcello Cardona, in visita al Comando dei vigili. Intanto però esplode la protesta a Niguarda per la chiusura in vista della sede dei ghisa in via Passerini. Ignorata la mozione del Municipio 9.