Le due Milano lungo il Naviglio

In Zona 6 i locali della movida, i circoli canottieri e la Darsena recuperata Ma anche gli abusivi di via Gola, i rom e i molti clochard. Spesso italiani

Michelangelo Bonessa Daniela Uva La fotografia che più di ogni altra riassume lo spirito della Zona 6 ritrae l'Alzaia Naviglio Grande. Da una parte ci sono i circoli dei canottieri - con i cortili, i ristoranti e decine di giovani intenti a fare sport - dall'altra, appena dietro la ferrovia, le roulotte dei rom. Che costeggiano il corso d'acqua fino a Corsico e spaventano i residenti. Tutta la Zona a Sud della città riprende questo scatto: è perfettamente divisa a metà fra movida e degrado. Dalla centralissima piazza XXIV maggio fino alle case popolari di via Giambellino. Proprio negli alloggi Erp il contrasto appare più netto. Da una parte il buon esempio dei condomini gestiti in autonomia dai residenti, dall'altra edifici fatiscenti in cui le donne sono costrette ad organizzare ronde notturne per tenere a bada gli occupanti abusivi. (...)