E il Comune accelera sulla cascina delle polemiche

Dopo aver bloccato il progetto Cerba un mese fa al tavolo regionale, il vicesindaco Ada Lucia De Cesaris velocizza invece sulla riqualificazione della Cascina Campazzo, che sorge nel parco Sud ed è entrata nel contenzioso tra il Comune e i soggetti che dispongono del patrimonio immobiliare di Salvatore Ligresti dopo il fallimento delle sue società. Una vicenda lunga. La cascina di fine '700 fu venduta negli anni Ottanta dal Comune ai Ligresti. La famiglia Falappi, che ci vive e lavora da sessant'anni, ha iniziato la sua trentennale battaglia contro lo sfratto. Con Ligresti sotto inchiesta, già nel maggio 2012 Palazzo Marino dichiarò la Cascina di pubblica utilità e diede il via alle procedure di esproprio. Ma i curatori a gennaio presentarono richiesta di sospensiva al Tar. Mentre in primavera il Comune inseriva già il freno sul progetto Cerba del professor Veronesi, il vicesindaco inseriva nella trattativa la cessione della Cascina Campazzo in comodato d'uso al Comune fino al 2015. Accordo sottoscritto tra Comune e Altair il 5 maggio. E ieri la De Cesaris ha annunciato: «Come promesso entro fine mese partiranno i lavori per la messa in sicurezza della cascina da parte del Comune, che la possiede a titolo di comodato gratuito fino al 2015».
La cascina Campazzo, ha ricordato anche De Cesaris, «è stata oggetto di un lungo contenzioso con la proprietà Ligresti, che non ha mai voluto fare i lavori di riqualificazione ostacolando lo sviluppo della attività e della funzione agricola». Un intervento più complessivo di ristrutturazione «sarà possibile solo dopo la conclusione dell'iter di esproprio, già avviato dal Comune, per il quale proprio recentemente il Tar ha confermato la dichiarazione di pubblica utilità consentendo così il prosieguo del procedimento». Il recupero della cascina «dove da sessant'anni - ricorda anche il Comune - vive e lavora la famiglia di Andrea Falappi, presidente del Distretto Agricolo Milanese, si affianca all'avvio dei lavori per la realizzazione del parco Ticinello». Si concretizza così, riferisce il vicesindaco, «il progetto di riqualificazione di quest'area del Parco Sud, con l'obiettivo di integrare e valorizzare la produzione agricola con lo sviluppo e la tutela del territorio. Speriamo presto di poter finanziare anche la seconda parte del parco Ticinello e avviare il recupero della cascina Campazzino».
Il primo lotto del parco Ticinello, per circa 350mila metri quadrati, è stato finanziato dalla Giunta comunale pochi mesi fa. Entro primavera partiranno le piantumazioni di diecimila alberi e arbusti.