E il dolce d'agosto tiene accesi i forni (e gli affari estivi) anche alla Maina

«Sono andato un po' in giro nelle località marine e devo dire che le facce di chi gusta il panettone a Ferragosto sono molto diverse da quelle di chi lo assaggia a Natale». Così Marco Brandani, amministratore delegato della Maina, commenta l'iniziativa di fornire i locali più alla moda delle spiagge italiane, il tipico prodotto dolciario che di solito si gusta nelle feste natalizie. E grazie anche a questa iniziativa, nel mese di agosto, compresa la settimana di Ferragosto, i forni sono rimasti accesi, con una boccata d'ossigeno anche per l'occupazione e non solo quella stagionale. Per il secondo anno consecutivo l'iniziativa golosa ha avuto un grande successo tant'è che non solo bar e ristoranti hanno dovuto «trasgredire» alla regola di proporre il dolce ai clienti solo il 15 di agosto ma sono oltre 300 i supermercati, soprattutto nel del Sud Italia, che li hanno messi in bella mostra sugli scaffali. «La Puglia è la regione dove il panettone ha riscontrato più successo - spiega Brandani -anche perché molti commercianti lo hanno abbinato al gelato, creando una nuova accoppiata gastronomica». Proporre il panettone estivo significa anche andare incontro ai gusti dei turisti, soprattutto inglesi e tedeschi che, diversamente da noi, lo mangiano per molti mesi all'anno e non solo a dicembre. Un modo quindi per far conoscere un prodotto italiano anche agli stranieri.
Molti i locali vip che hanno festeggiato Ferragosto con Maina: Le Vele di Alassio, il Tabata di Porto Cervo e quello di Sestriere, il Portico di Portofino e il Twiga di Marina di Pietrasanta. Se la ricetta è rimasta uguale, in certi casi è cambiato l'involucro che custodiva il panettone: un cellophane trasparente, impreziosito da un nastro di colore rosso e cartiglio. Per un impatto visivo anche molto piacevole.
Per quanto riguarda il numero di dolci distribuiti fino a Ferragosto, siamo sull'ordine dei 30 mila, che non sono molti pensando alla produzione annua della Maina che supera i 18 mila, ma potrebbe presto rivelarsi una nuova moda estiva.