Ecco la «notte prima degli esami» dei 74mila

Il direttore scolastico Campanelli scrive a mano il suo in bocca al lupo ai ragazzi

Questa sarà la notte prima degli esami per il popolo dei 74mila studenti che domani mattina si presenteranno a scuola per la prova di maturità. Una notte di ripassi disperati o di tentativi di rilassamento, una notte di messaggini di in bocca al lupo e di dita incrociate.

Ma se gli incoraggiamenti, nella maturità del 2016, arrivano tutti via Facebook, Twitter e Whatsapp, ce ne sono alcuni che arrivano anche per via cartacea, scritti a penna in bella calligrafia, con un sapore antico e poetico fatto di arzigogoli, gambette delle p e delle b che si accavallano con le parole della riga sopra o sotto. Così il direttore generale dell'ufficio scolastico della Lombardia, Delia Campanelli, ha deciso di recapitare il suo in bocca al lupo ai ragazzi. Condividendo la loro emozione per una svolta cruciale e ricordando i tempi del suo esame di Stato.

«Se mi fermo a pensare al mio esame di maturità - scrive a mano la Campanelli nella sua lettera indirizzata a tutte le sezioni - ricordo il coinvolgimento emotivo di quei giorni per l'impegno richiesto e per la consapevolezza di affrontare una prova importante nella mia vita di studente. Era anche presente un senso di gioia per il traguardo da raggiungere.

Anche nell'attuale difficoltà di individuare sbocchi occupazionali, vi auguro che l'entusiasmo e il coraggio di andare avanti, cari studenti, vi possano accompagnare nel prosieguo della vostra vita, che, sono certa, vi offrirà molteplici opportunità di essere artefici del benessere dell'intera comunità».

«Vi auguro che l'entusiasmo e l'amore per la vita - aggiunge come un mamma speranzosa - possano essere la strada su cui costruire i vostri progetti. Vi auguro, inoltre, che gli esiti di questo importante esame, che vi accingete a sostenere, siano fonte di vera maturità per ognuno di voi, a prescindere dai risultati raggiunti».

Un incoraggiamento sentito che contribuirà a sostenere i 67.927 studenti lombardi di 3.319 classi che affronteranno domani il primo scritto assieme ai 2.606 candidati esterni. Tra i candidati, si segnalano 10 studenti (6 nella provincia di Brescia e 4 nella provincia di Milano) che potranno sostenere l'esame per abbreviazione per merito, cioè arrivando direttamente dalla quarta.

Sono oltre 1.660 le commissioni d'esame che giudicheranno i ragazzi. Dietro ai banchi ci saranno invece 67.927 studenti lombardi di 3.319 classi, a cui si sommano 2.606 candidati esterni. Tra i candidati, si segnalano una decina di studenti (6 nella provincia di Brescia e 4 nella provincia di Milano) che potranno sostenere l'esame per abbreviazione per merito.

MaS