Ecco le vette metropolitane da scalare gratis o con ticket

Dal roof garden di corso Como alla Torre Unicredit le dieci scelte del Comune per ammirare il panorama

Chi soffre di vertigini può accontentarsi del roof garden di corso Como 10 (quindici metri di altezza). Per tutti gli altri, la «vetta» più alta per ammirare Milano dall'alto è la Torre Unicredit, il tetto è alto 152 metri ma la guglia arriva a quota 231. Il Comune ha rilanciato giorni fa sulla pagina Facebook istituzionale una mappa di dieci punti panoramici per vedere la città da un'altra prospettiva, meglio approfittarne ovviamente nei giorni di cielo limpido altrimenti c'è meno gusto. «É solo una proposta che potrebbe essere arricchita da molti altri luoghi, se volete segnalateci i vostri preferiti» è il commento a correndo.

La Torre Unicredit (almeno per il momento) non è solo il grattacielo più alto di Milano ma d'Italia. Progettata dall'architetto Cesar Pelli, con il Bosco Verticale e piazza Gae Aulenti è diventata la foto-simbolo per antonomasia del nuovo skyline, anche se presto o tardi dovrà fare i conti con Citylife, è aperta la sfida. La cima si raggiunge in 40 secondi di ascensore, il problema è che essendo un edificio privato si può accedere solo in occasioni particolari. Si può invece salire gratis tutte le domeniche dalle 10 alle 18 (non serve nemmeno la prenotazione) al 39esimo piano di Palazzo Lombardia, e ammirare le Alpi dal Belvedere a circa 150 metri d'altezza (anche se l'edificio, con la copia in scala della Madonnina, arriva a quota 161). Nel 2016 si sono registrati circa 81mila visitatori. É a cento metri (su un totale di 108,5) il belvedere della Torre Branca, immersa nel parco Sempione e intitolata alla distilleria dei Fratelli Branca che l'hanno restaurata e riaperta nel 2002. É stata disegnata da Giò Ponti nel 1933 per la V mostra Triennale. Per orari e visite si può chiamare la biglietteria allo 02.3314120. Le visite durano circa sette minuti, il mercoledì la salita è gratuita per scolaresche e pensionati. La Madonnina protegge i milanesi da 108,5 metri, i turisti possono salire sulle Terrazze del Duomo a un'altezza variabile tra i 65 e 70 metri. Dall'altra parte della piazza, le passerelle della Higline Galleria, a 40 metri dal suolo (ingresso da via Pellico 6, biglietto intero 12 euro). E tra e cupole del Salotto ormai viene organizzato ogni tipo di evento: dai picnic sui tetti alla buonanotte con tisana o con gelato ai «cold case, omicidio sui tetti». Sempre accessibile (ovviamente) il Monte Stella, la «montagnetta di San Siro» realizzata nel dopoguerra con le macerie dei bombardamenti, con una vetta a 50 metri. Arriva alla stessa altezza la cima della collinetta al Parco Alfa Romeo al Portello, collegato col Monte Stella da una passerella ciclopedonale. Arriva a metà quota la Collina dei ciliegi ricavata alla Bicocca dalle macerie delle ex fabbriche Pirelli. Si può prendere un caffè sulla Terrazza della Triennale (il bar è aperto dal martedì alla domenica dalle 10.30 alle 20.30) con una vista sul parco Sempione a 20 metri dall'alto. Quella della Galleria Sozzani, in Corso Como 10, si ferma a 15 metri ma il panorama offre un bel mix tra grattacieli di Porta Nuova e le case di ringhiera «vecchia Milano».