«Ema a Milano? Si può fare, ore decisive»

Il senatore Mandelli (Fi) spiega come potere battere le rivali

«Milano è tra le prime città candidate e in effetti ha tutte le carte in regola per vincere. Detto ciò bisogna continuare a lavorare tutti insieme, in squadra per raggiungere un traguardo che non è solo di Milano ma del Paese». Così Andrea Mandelli, vicepresidente della Commissione Bilancio al Senato (Forza Italia) e primo firmatario della mozione, approvata all'unanimità al Senato, che impegna il Governo a sostenere concretamente la candidatura di Milano a sede dell'Ema. E il senatore azzurro, fra l'altro, avverte: «È fondamentale, in vista del 19-20 di ottobre quando si terrà il prossimo Consiglio europeo, tenere alta la pressione sul governo. Importante è anche la volontà di Forza Italia di calendarizzare la mozione anche alla Camera. Dobbiamo sostanzialmente replicare la formula utilizzata per sostenere la candidatura di Milano all'Expo: unità di intenti a tutti i livelli istituzionali e capacità di fare rete. Ognuno deve fare la sua parte». E non si tratta solo di politica e istituzioni, secondo Mandelli. «Anche i privati possono dare il loro contributo».