Incompiutezza ed espressione nella nuova mostra di Galleria HQ

Incompiutezza e libertà dell'atto creativo sono alla base di Incompiuto, la mostra che apre oggi alla Galleria HQ di Milano. Fino al 13 dicembre artisti italiani il cui tratto distintivo è la libertà di espressione 

Ad un anno di distanza da Picks, “scelte”, la galleria HQ di Mario Giusti ospita Incompleto, una mostra che fa dell'incompiutezza la proprio ragion d'essere. Proprio il senso di non-finito, di atto creativo libero da ogni imposizione di marketing e furbizia comunicativa, sono i concetti alla base della poetica dei nove artisti che da oggi fino al 13 dicembre saranno esposti presso HQ-HEADQUARTER nel Naviglio milanese. 
 
Il curatore e capo della mostra, Mario Giusti, sottolinea la scelta del titolo, voluto e pensato: “(...) Siccome la mente umana continua ad essere la sola opera d'arte non ancora interpretata, non saranno le opere d'arte con il loro portato di pienezza emotiva e sublime a togliermi uno stato di continuo ed irrequieto movimento che determina il mio essere INCOMPLETO”.
 
La grandezza della creatività della mente umana, infatti, sta proprio nella capacità di sfruttare la realtà circostante, per ricrearla lasciando degli spazi di incompiuto, irrealizzato che generano la beatitudine e la meraviglia di fronte all'arte. Là dove si ferma l'artista con la sua opera, quindi, entra la creatività umana di chi osserva l'opera e la completa.
 
Nove gli artisti presenti con le loro opere: Fabrizio Bergamo, Francesco Diluca, Sergio Fornasetti, Fabrizio Garghetti, Fabio Giampietro, Andrea Greco, Salvatore Parisi, Tom Porta e Alessandro Spadari.
 
Tom Porta presenta F.E.A.R. (paura), Fury Emptiness Anger Revenge (Furia Vuoto Rabbia Vendetta), che ripercorre attraverso la pittura, quello che è successo nel mondo per arrivare nell'era dell'Extintion. 
 
Gli strumenti attraverso i quali questi artisti raccontano del loro desiderio di non essere omologati e di poter continuare ad esprimere la loro creatività, sono diversi: la pittura, la scultura, la fotografia...
Insomma, questa mostra rappresenta l'occasione di scoprire l'immaginazione, la creatività, la poetica dell'arte libera da costrizioni mediatiche e di marketing, completando con esse l'INCOMPLETO.
 
Periodo di esposizione: dal 23 novembre al 30 dicembre
Orari: dalle 16 alle 20, sabato e domenica dalle 11 alle 20
Indirizzo: Alzaia Naviglio Pavese 50, Milano