Esposto anti tram: «Frastuono e danni alle case»

Dall'asfalto agli uffici della Procura. I residenti di piazza Piemonte sono pronti a presentare un esposto per denunciare il degrado dei binari e del fondo stradale, i rischi per la viabilità causati dalle profonde buche che periodicamente si aprono sulla carreggiata, i danni agli edifici e i disagi per il frastuono dovuti ai violenti sobbalzi dei tram che passano sulle rotaie deformate (ma che secondo Atm sono «in ordine e perfettamente funzionanti»), e che arrivano a scuotere gli edifici, in particolare ai piani più alti. Ieri abbiamo raccontato su queste pagine il caso dell'asfalto saltato dopo quindici giorni per le vibrazioni del tram: all'inizio di agosto è stata riasfaltata la porzione di carreggiata compresa tra i binari della linea 16 nel tratto di corso Vercelli - piazza Piemonte. Nel giro di quindici giorni, però, il nuovo manto è saltato. Il Comune ha annunciato che provvederà alla riasfaltatura con un nuovo materiale più elastico e resistente alle vibrazioni, anche se per Atm «il danno non è in alcun modo dovuto ai binari che sono in ordine». A prima vista però le foto pubblicate raccontano un'altra storia. Così come le notti in bianco degli inquilini di piazza Piemonte e le crepe nei loro appartamenti.

Nel documento la società che amministra uno degli immobili che affaccia sulla piazza chiede all'autorità giudiziaria «di attivare un controllo sui binari e sul manto stradale di piazza Piemonte, sollecitando l'amministrazione comunale e l'azienda dei trasporti a impegnarsi per garantire - attraverso la sostituzione delle rotaie danneggiate - la tutela della sicurezza pubblica, l'integrità dell'immobile da noi amministrato e la salute delle persone che vi abitano». Il problema? «A causa dello stato di grave ammaloramento dei binari che attraversano piazza Piemonte e delle conseguenti forti vibrazioni provocate dal passaggio dei tram - si legge nella denuncia -, l'immobile (...) sta subendo danni strutturali negli appartamenti ai piani più alti. I condomini, oltre a lamentare crepe sui muri dovute ai violenti tremori legati al transito dei convogli Atm, denunciano anche i gravi disagi per il frastuono causato dal transito dei mezzi che sobbalzano sulle rotaie danneggiate - decine al giorno, a partire dall'alba fino a notte inoltrata». Senza contare, poi, che le buche che periodicamente si aprono sul manto stradale costituiscono «un evidente pericolo per la viabilità». L'esposto, che sarà presentato in Procura nei prossimi giorni, finirà al dipartimento del procuratore aggiunto Nicola Cerrato, a capo del pool di toghe che si occupa di salute pubblica e (anche) di inquinamento acustico. Lo stesso, per intendersi, che qualche anno fa mise la sordina ai concerti estivi di San Siro, ritenuti troppo rumorosi dai residenti della zona. A fare troppo rumore in piazza Piemonte (oltre che danni) sarebbero invece i tram. E non per qualche serata d'estate, ma tutto l'anno.