"Espropri" per i palazzi vuoti da 5 anni

Per gli stabili abbandonati scatta "l'utilizzo pubblico". Per i proprietari delle case non utilizzate "divieto" di costruire. Revisione obbligatoria per tutti gli edifici

È sugli edifici abbandonati e in disuso che si allarga la lente di ingrandimento del Comune. Tutte le strutture non utilizzate per il 90 per cento della superficie e sulle quali non sia stata fatta la manutenzione da più di 5 attireranno non solo l'attenzione ma anche l'interessamento da parte di Palazzo Marino. Che prima diffiderà la proprietà a eseguire gli interventi. Ma se il proprietario non interviene ci penserà l'Amministrazione. Con un «però», anzi tre: al proprietario saranno addebitati i costi e applicata una sanzione e il Comune potrà attribuire un uso pubblico al bene. È questo una delle novità presenti nel Regolamento edilizio che il Comune ha presentato ieri in Triennale alla città. Di fronte ai tecnici del Comune e all'assessore Ada De Cesaris una platea di circa 400 persone. Era solo il primo passo da cui prende avvio la fase di confronto con gli operatori del settore e con il Consiglio comunale, che nelle aspettative dell'assessore dovrebbe far approdare il nuovo regolamento in giunta a settembre per essere approvato entro la fine dell'anno cancellando così il vecchio testo del 1999.
«È un atto importante e indispensabile - ha dichiarato la vicesindaco Ada De Cesaris non solo perché l'attuazione del Pgt ma anche per aggiornare e dare certezze al quadro di regole mantenendo due obiettivi fondamentali: maggiore attenzione e cura del territorio e migliore efficienza della struttura amministrativa». Tra le novità della nuova proposta è previsto il rafforzamento del ruolo dello Sportello Unico per l'Edilizia che gestirà i procedimenti per semplificare le procedure e sveltire i tempi. Tutti i fabbricati entro 30 anni dal collaudo dovranno essere sottoposti «a verifica dell'idoneità statica». Controllo che andrà poi ripetuto ogni 15 anni. Per i vecchi stabili il Comune darà 5 anni dall'entrata in vigore del regolamento per mettersi in regola. Sarà anche premiato come già previsto nel PGT, chi farà la riqualificazione energetica: premio di edificabilità del 15 per cento che non decadrà. Molto più di prima perché arrivava al 5 per cento e scadeva dopo 5 anni. Non è autorizzata l'apertura di sale pubbliche da gioco o il trasferimento di una già esistente in edifici che si trovano a meno di 200 metri da scuole o comunque aree frequentate da ragazzi, «caserme, chiese e luoghi di culto, ospedali, cliniche, RSA, luoghi di cura o di particolare valore civico e culturale quali musei e sedi di associazioni e di volontariato che si dedicano alla pubblica assistenza». Diventano invece sufficienti 28 metri quadri per definire un alloggio, 8 metri quadri per le camere ad un posto letto e 12 metri quadri a due posti letto. Così potranno essere assegnati gli alloggi pubblici di Aler. I bagni non sono vincolati più a una superficie minima, l'importante è che possano contenere i sanitari previsti. Nei cortili degli edifici deve essere consentito il parcheggio delle biciclette di chi abita o lavora e favorito il gioco dei bambini. I seminterrati che hanno alcune caratteristiche e il parere favorevole della Asl potranno diventare vere e proprie case. Per finire sono stati confermate le norme che riguardano la sicurezza e la legalità nei cantieri.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 12/07/2013 - 15:54

buon comunismo Milanesi, divertitevi babbei e siate felici che tra poco tocca anche ai Romani. Altro che Cina e Cuba he he

Roberto Casnati

Ven, 12/07/2013 - 16:19

La proprietà privata? Si privata di tutto salvo che dal pagare le tasse!

Ritratto di Farusman

Farusman

Ven, 12/07/2013 - 16:20

Mbè, che c'è? I proprietari di catapecchie fatiscenti, saranno finalmrnte costretti a svegliarsi.

Noidi

Ven, 12/07/2013 - 16:20

A leggere tutto quello menzionato mi sembrano cose giuste, è triste vedere a Milano interi palazzi abbandonati a stessi.

Leo Vadala

Ven, 12/07/2013 - 16:35

Era l'ora che lo facesse!

flip

Ven, 12/07/2013 - 16:35

il proprietario della casa fatiscente, se c'è, regala al comune lo stabile. il comune lo abbatte,lo ricostruisce e lo affitta.

lorenzovan

Ven, 12/07/2013 - 16:49

giuistissimo...gli olandesi...noti marxisti e komunisti...lo fanno da 50 anni chissa perche'.... bananasssssssssssssss

Ritratto di Markos

Markos

Ven, 12/07/2013 - 16:57

le case sottoposte a esproprio poi vengono date a zingari e africani , buon comunismo a tutti i milanesi .

citano39

Ven, 12/07/2013 - 17:21

I milanesi, proprio quelli dei palazzi in questione forse lo hanno votato.Se lo tengano.

pancito

Ven, 12/07/2013 - 17:37

Finalmente Pisapia comincia a ragionare fa benissimo non bene altrimenti è solo rifugio per zingari, specialmente le ex fabbriche.

cgf

Ven, 12/07/2013 - 17:45

ops! moltissimi metri cubi sono proprietà di banche, finanziarie ed assicurazioni che dal 2008 fanno sempre più fatica ad affittare... anche 'loro' sotto la lente di Palazzo Marino? attento pissiapia che qualche tuo kompagnuccio potrebbe non essere d'accordo, se dai contro ai privati liberi cittadini ok, ma gli 'amici' non li tuccà!

cgf

Ven, 12/07/2013 - 17:50

dovrebbero dare più facilmente le autorizzazioni a demolire, invece... cmq possono giusto espropriare il manufatto per demolirlo gratis? no? allora dai il permesso!! in ogni caso il terreno no, la motivazione non reggerebbe nemmeno la prima udienza di un ricorso che certissimamente ci sarebbe e chi subentrerà a pissiapia, cmq i milanesi, si troverebbero spese legali non necessarie.

lorenzovan

Ven, 12/07/2013 - 18:10

io demolirei certi «cervelli malati... primo...palazzi storici non sono da demolire..amsterdam ci ha fatto la sua fortuna su cose che da noi nessuno avrebbe pensato minimamente di alvaguardare e io lo so pq ho fatto fortuna proprio in Amsterdam comprando baracche tutte sbilenche e restaurandole se poi volete snaturare i centri delle nostre citta' ..fate pure- sai che specualzione edilizia dove esiste il castello sforzesco...lololol secondo la proprieta' privata ha limiti ..non e' un diritto divino...tanto per intenderci..in Olanda sei obbligato come proprietario a restaurare e tenere in consizioni accettabili le tue proprieta'-..se non lo fai..vengono espropriate dopo sentenza giuydiziale che stabilisce pure il valore ( stava succedendo con un palazzo che avevo appena comprato a buon prezzo..proprio perche' esisteva un inizio di procedura di esproprio!!!!) se poi voi proprietari italiani ritenete di fare il bello e brutto tempo perche' siete "proprietari"..avete perso il treno del progresso...

lorenzovan

Ven, 12/07/2013 - 18:13

mi spiego..a Lisboa hanno sfigurato il centro della citta'..hanno lasciato palazzi storici andare in rovina ( tiravano pure le tegole dal tetto per aiutare l'effetto pioggia...) per rendere il palazzo una mezza rovina e poi poterlo abbattere e fare guadagni enormi ricostruendo orribili palazzi in cemento e vetro nei centri storici.. volete questo ??? bananas asociali e speculatori da quattro tacche

Ilgenerale

Ven, 12/07/2013 - 18:20

Spero di non aver capito, stiamo parlando di esproprio di proprietà privata????!!!

Gianca59

Ven, 12/07/2013 - 18:27

Fa bene: almeno un po' di catapecchie verranno rimesse in sesto...per poco, se finiscono in mano a Pisapia, perchè anzichè sfruttarle per qualche progetto che crea lavoro, le darà ai suoi protetti che le ritrasformeranno in catapecchie ....

BeppeZak

Ven, 12/07/2013 - 18:33

Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Sarà un esproprio proletario e finirà che le case saranno assegnate a rom ed extracomunitari. Li avete votati? Ora puppate

cgf

Ven, 12/07/2013 - 18:34

@lorenzovan piccola nocciola della Turchia, non vengono dati i permessi per demolire a L'Aquila e nell'Emilia dove vi è stato il terremoto, fiugurati a Milano!! informati prima e collega i 2 neuroni facendo attenzione a non mandarli in corto.

il veniero

Ven, 12/07/2013 - 18:41

l'esproprio lo stanno già facendo con IMU e TARES...un esproprio dolce ...Vogliono che tutti vivano allineati , in piccolo, chi alza la testa deve essere tartassato ...punito .

Ritratto di illuso

illuso

Ven, 12/07/2013 - 20:08

mah... Molto spesso non sono decisioni politiche ne di sx ne di dx, ma solo dettate dal buon senso. Ci sono edifici nei centri strici di molte cittadine disabitati e decrepiti e spesso non si ha più nemmeno conoscenza di chi possano essere gli odierni proprietari, ben venga un'ordinanza che disciplini questa materia, le città diventeranno migliori. Buona serata

lorenzovan

Ven, 12/07/2013 - 20:08

ccgf..i neuroni collegali tu....i permessi li danno e come...basta conoscere le persone giuste... e qui' siiamo poi una barzelletta...spazi aerei chiusi per paura scappa snowden...espulsione dopo blitz di 50 persone..in 24 ore della moglie di un nemico politico di un certo dittatore"democratico" amico di un altro certo ex primo mininstro italiano questi sono i miracoli italiani bellezza e poi dici a me di collegare i neuroni?? ma va a chapa i ratt

Abia68

Ven, 12/07/2013 - 21:22

Sempre meglio !!! Trovo geniale la strategia dei neo-comunisti: lotta dura e pura all'impresa e alla proprietà privata... fate pure in modo che chi ha i capitali invece di investirli in iniziative che coinvolgano, dando lavoro o alloggio, la collettività se li godano (magari all'estero). A dar casa e lavoro ai precari e ai Cipputi, che costituiscono lo zoccolo dell'elettorato progressista , ci penserà Pisapippa con le sue splendide iniziative solidali a base di piste ciclabili, campi rom e moschee.... Caro Sindaco prova a coprire il buco di oltre 400 Mio di euro, creato in soli due anni di "buona gestione", con le tue imposte incassate dai tuoi amici rom o dei centri sociali perché tra un po' ti resteranno soli quelli come contribuenti ahahahahahah !!!

_uno qualunque_...

Ven, 12/07/2013 - 21:42

A parte la solita strumentalizzazione della notizia: 1- a chi pensa che questa sia una privazione di diritti e proprietà consiglio di informarsi come funziona l'esproprio urbanistico, che il proprietario ci fa i soldi, altro che cuba, l'esproprio in urbanistica non si usa più da anni nella maggior parte dei paesi industrializzati poichè sfavoreggia il pubblico a favore del privato, soppiantato dalla molto migliore perequazione urbanistica. 2-questo permetterà la rivalutazione di amplissime zone di milano che non vengono valorizzate per scarso interesse dei privati e colluttazione con gli interessi dei più grandi immobiliaristi. 3-vi invito a informarvi, io le cose che dico le ho studiate, la triste storia di milano ,una delle città meno vivibili di'italia e soprattutto più care è dovuta in grande maggioranza agli interessi di pochi uomini politici della giunta moratti, che sotto il piano urbanistico hanno fatto il più grande scempio di questa città.

Raoul Pontalti

Ven, 12/07/2013 - 22:39

Questa volta sono (parzialmente) d'accordo con Pisapippa. E non mi si parli di proprietà privata quando si tratta di ignobile speculazione di investitori nel mattone (ma l'IMU come si deve li metterà a posto: deve essere raddoppiata a far bene). Mi lasciano perplessi i 28 mq per definire l'alloggio: o A Milano vivono i Pigmei o addirittura i Puffi? ________________________________________

killkoms

Ven, 12/07/2013 - 23:15

@lorenzovan,con la banana in bocca,sbagli!in olanda il 30% degli immobili sono a canone sostenuto,ed è molto diffusa la vendita della sola metratura dell'edificio come in inghilterra!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 13/07/2013 - 01:09

Siamo arrivati all'applicazione dell'idiozia anticapitalista che ha già fatto crollare intere nazioni felicemente comuniste. MA STI TRINARICIUTI NO HANNO ANCORA IMPARATO LA LEZIONE?.

il sorpasso

Sab, 13/07/2013 - 07:32

Cari milanesi vedrete a chi saranno affidati questi immobili..... alla scadenza del mandato votatelo nuovamente Pisssapia!

Walter68

Sab, 13/07/2013 - 08:52

Non mi sembra sbagliato, con la crisi degli alloggi credo sia giusto, in questo modo saranno costretti a ristrutturarli o venderli. Oltretutto il Comune ha dato 5 anni per mettersi 'in regola', un edificio abbandonato è anche un rischio per la comunità.

blackbird

Sab, 13/07/2013 - 09:01

Qualcuno si è chiesto che cosa si intende per "verifica dell'idoneità statica"? Se lo fai "teoricamente" si tratta solo di rifare i calcoli statici alla luce delle nuove normative, ma se si vuol prendere alla lettera l'espressione, devi svuotare l'edificio, misurarlo, caricarlo con masse tarate, misurarne i cedimenti e verificare teoricamente la tenuta statica. Per una casa unifamiliare te la puoi cavare in un giorno, per un condominio di 30-40 appartamenti su 4, 5 piani forse devi sgombrare lo stabile (dalle persone, ovviamente) per un paio di giorni. Sai che bello vedere operai aggirarsi liberamente per gli appartamenti (con i proprietari fuori dalle case, per questioni di sicurezza)! Comunque niente paura, sopratutto per i proprietari di vecchi stabili di pregio, magari con qualche vincolo delle Belle Arti! Si sa che le autorizzazioni ad intervenire per il restauro o il recupero, non parliamo di ristrutturazione, impiegano alcuni anni, poi se interviene forzosamente il Comune, magari i proprietari vengono anche risarciti, come a Bari. Non parliamo di Amsterdam o altre situazioni in Paesi esteri, ciascuno ha le proprie leggi sulla proprietà fondiaria e sull'edificabilità dei suoli. I Comuni italiani forse potrebbero intervenire legalmente, imponendo vincoli e impegni severi, sugli edifici costruiti in regime di "diritto di superficie", dubito molto che lo possano fare con semplice Regolamento Edilizio sulle proprietà private, magari in sequestro cautelativo in attesa di giudizio per una causa successoria o un fallimento.

semprecontrario

Sab, 13/07/2013 - 09:24

Milanesi SVEGLIATEVI il bolscevico vi toglie le mutande

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Sab, 13/07/2013 - 09:36

E bravo il Pisa, neanche fosse roba sua. Oggi la proprieta' privata è un reato.

killkoms

Sab, 13/07/2013 - 12:35

@raoulpontalti,lo stato ha tanti beni abbandonati(ex carceri,ex caserme,opifici,ecc.)e li lascia andate in rovina!poi,pretende che i privati manutengano (e bene) i loro immobili!per i 28 mq di abitazione minima non dovrebbe invece avere torto,in quanto si rifarrebbe alle vecchie norme per le tipologie abitative minime.in pratica,partendo da un minimo di 15 mq,bisogna aggiungere agli stessi agli stessi 13u.in pratica 13 mq per ogni potenziale abitare della casa!così,28 mq,basteranno per una persona;41 mq per 2;54mq per 3;67 mq per 4,eccetera!saluti!

matteodanieli

Sab, 13/07/2013 - 14:12

Ma a chi dice che si stia andando contro la proprietà privata una cortesia: riesce a spiegarmi in maniera educata quali sono le ragioni del perché un proprietario dovrebbe tenere degli edifici la cui superficie è per il 90 per cento non occupata e sui quali non sia stata fatta una manutenzione da più di 5 anni? Cioè secondo voi quello degli edifici abbandonati e in disuso è un fenomeno piccolo (e quindi è un attacco politico alla proprietà privata) oppure è un fenomeno vasto che parla anche di speculazioni edilizie (e allora come le combattereste)? Grazie in anticipo per le risposte

killkoms

Sab, 13/07/2013 - 19:25

@matteodanieli,in maerica si insegue il lavoro!ora,l' c'è una città che si chiama gary.un tempo era un centro secondario per la metallurgia(il principale americamo rimane pittsburgh).piano piano,molte delle attività indstriali metallurgiche li presenti,hanno smesso la produzione in loco per emigrare versoa aree con manodopera meno costosa ed assenza di vincoli ambientali come india e cina!la maggior parte delal città predetta è vuota!ci sono quartieri abbandonati che la fanno sembrare una"ghost town"!case,supermetcati,uffici,chiese,perino un cimitero abbandonati!e si tratta di beni privati;cosa dovrebbe farci il governo USA?