Gli ex operai occupano la portineria dell'AlfaProtesta ad Arese

Sembra una notizia di vent'anni fa. Ma gli operai dell'Alfa Romeo, ormai un gruppo esiguo, sono ancora in pista ed hanno ancora la forza di protestare.
Un gruppo di operai licenziati da Innova Service, la società che si occupava della manutenzione sull'area dell'ex Alfa Romeo di Arese, ieri mattina ha bloccato le portinerie dello stabilimento (che ormai sembra una cattedrale, malmessa, nel deserto) per chiedere il rispetto di una sentenza del Tribunale del lavoro di Milano che ha disposto il loro reintegro.
I lavoratori, una sessantina di ex dipendenti Fiat ricollocati nella società di servizi che poi ha cessato le attività, sono in presidio davanti ai cancelli dal febbraio 2011, quando sono stati licenziati. «Non applicare una sentenza è un reato - ha spiegato instancabile Corrado Delle Donne, coordinatore dello Slai-Cobas - e ci auguriamo che la Procura si faccia sentire al più presto. Continuiamo a chiedere di essere reintegrati nelle attività sull'area - ha proseguito - ma finora da parte dei proprietari non c'è stata nessuna apertura».