Expo vietato ai cani Ma in città ci sono 32 asili per animali

Ecco la cartina dei luoghi sicuri dove lasciare i quattrozampe durante le visite all'Esposizione

Dove lasciare cane e gatto mentre si visita Expo? O ci si appoggia ai servizi dei dog sitter privati e affini o si chiede una mano alle strutture ufficiali. Dopo oltre due settimane dall'inizio dell'Esposizione, già in parecchi si sono informati e hanno sollevato il problema. Magari arrivano da lontano, devono rimanere in città per lavoro per un mese o addirittura fino alla fine della manifestazione. Hanno preso in affitto loft e appartamenti con contratti stagionali e si sono portati appresso il cane o il gatto, con tanto di cuccia e vaschetta. Tuttavia lasciarlo a casa per poche ore è un conto, mollarlo in un appartamento dal mattino alla sera è un altro. E allora è partita la ricerca di un aiuto. Anche perché tra i padiglioni di Rho non è possibile portare animali al seguito nemmeno se stanno dentro una borsa. E non esistono strutture attorno al villaggio di Rho adatte a un «dogsitteraggio».

Il regolamento internazionale sulle fiere vieta l'accesso agli animali domestici. Dove non arriva la fiera arriva il Comune. Che anche da questo punto di vista cerca di abbattere tutti gli ostacoli che limitino le Pari opportunità.

A Milano è possibile fare affidamento su 32 luoghi dedicati, garantiti dal Comune, che offrono un servizio di ospitalità e di pensione per animali domestici e perfino per i rettili. Tra questi, otto sono gli asili dedicati esclusivamente ai cani, sei per i gatti mentre i restanti offrono soluzioni miste. In qualche caso eccezionale, anche per rettili o pesci.

«Abbiamo pensato ai tanti visitatori che vengono in città per Expo e che, magari, hanno bisogno di trovare uno spazio sicuro, accogliente e pieno di affetto in cui lasciare il proprio amico a quattro zampe per qualche ora o, addirittura, per qualche giorno - dichiara l'assessore con delega alle politiche animali, Chiara Bisconti -. Milano è una città amica degli animali: ecco perché l'amministrazione comunale ha certificato 32 spazi dedicati, dove poter affidare in totale sicurezza il proprio cane o il proprio gatto, che vanno considerati a tutti gli effetti componenti della famiglia. Abbiamo voluto mettere in rete l'elenco, offrendo così un servizio utile a molte persone».

Le tariffe degli asili per animali sono abbordabili e si ha la garanzia di affidarsi a persone competenti che rispettano il cane o il gatto. Guardando la mappa delle pensioni per i quattro zampe, ci si rende conto che tutta la città è «coperta» dal servizio: ovunque i turisti/visitatori abbiamo preso dimora, troveranno un punto d'appoggio vicino dove accompagnare Fido. Addirittura, qualche struttura riconsegna l'animale completamente lavato e pettinato.

Insomma, Milano si prepara ad accogliere centinaia di cani e gatti stranieri. Sono i compagni di tutti quei visitatori che hanno scelto la soluzione della casa in affitto anziché dell'albergo proprio per non separarsi dal fidato amico. Nelle scorse settimane infatti ci sono anche stati casi di telefonate alle reception degli hotels per chiedere se era possibile accogliere anche il cane o fare riferimento a un servizi di assistenza.