Feste e spettacoli a pagamento L'«imperdibile» estate di Milano

Sessanta giorni di musica, cinema all'aperto e visite guidate (anche in inglese) tra le merlate. É «Un'estate Sforzesca», il palinsesto di eventi messo in piedi dal Comune per chi resta in città a luglio e agosto. A costo zero? Macchè, «la maggior parte sono a pagamento» ammette l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno, ricordando che le casse di Palazzo Marino sono vuote e quindi le spese non obbligatorie sono bloccate. Per gli eventi dell'estate ci si deve affidare agli sponsor (il principale in questo caso è Edison) e agli organizzatori delle singole manifestazioni. Che «si assumono un rischio d'impresa» fa presente l'assessore, e quindi scatta per quasi tutte le iniziative «un biglietto d'ingresso calmierato», da 5 a 15 euro. Che di questi tempi non sono pochi per lo svago serale di una famiglia o di una coppia di anziani. Del Corno precisa che il Comune non incasserà nulla dai ticket. Anche se si paga pure per assistere agli spettacoli musicali degli allievi delle Scuole civiche di Milano, e forse almeno con la propria fondazione un accordo di prestazione volontaria si poteva trovare.

Commenti

Silvano Poma

Mar, 02/07/2013 - 15:21

Le iniziative sono mole, sarebbe belleo che i giornali ne dessero comunicazione con tempismo e chiarezza. Un prezzo equo di accesso è accettabile: può essere una maggiore garanzia di serietà e qualità. Silvano