Fiera resta commissariata. "Bonificata" invece la controllata Nolostand

Continua il commissariamento di Pie­ra Milano. Almeno fino a, 28 settembre 2017, data della prossima udienza. Mentre è stata revocato quello della controllata Nolostand. Lo hanno deciso i giudici della sezione Misure di prevenzione del Tribu­nale, presieduta da Fabio Roia. L’ammini­strazione giudiziaria di Nolostand (che scade il 6 luglio) è stata ritenuta conclusa e non è stato neppure disposto il controllo giudiziario. Mentre in Piera occorre lavora­re ancora, anche perché manca la nomina del nuovo ad. Secondo quanto riportato nell’ordinanza, la società resta un «cantie­re in corso». I giudici hanno accolto le ri­chieste della Procura. Le due società sono state messe sotto il controllo dell’ammini­stratore giudiziario nominato dal Tribuna­le Piero Capitini, dopo un’inchiesta del pm Paolo Storari su presunte infiltrazioni mafiose nei loro appalti. Capitini ha riferi­to del «grosso sforzo messo in campo per restituire al mercato due aziende molto importanti». Storari ha dato atto che la si­tuazione di Nolostand è migliorata, grazie all’«integrale bonifica» promossa dal com­missario. La scadenza naturale del provve­dimento per Fiera Milano spa è ottobre 2017. La difesa della società, rappresenta­ta dall'avvocato Enrico Giarda, ne aveva chiesto la revoca. Intanto il eda ha convo­cato per il 25 luglio l'assemblea degli azio­nisti, anche per nominare il nuovo ad.