LE FIEREAnche Mipel e Micam hanno pagato la domenica a piedi

Ha chiuso il salone della calzatura Micam, che in quattro giorni ha fatto arrivare a Fieramilano 41.085 visitatori, di cui 20.584 stranieri e 20.501 italiani. «Il risultato delle presenze, anche di nuovi clienti, e delle vendite - afferma il presidente dei calzaturieri Anci, Cleto Sagripanti - è un elemento distintivo del ruolo di Micam come concreto spazio di business. Il numero degli stranieri ha superato quello degli italiani, la cui presenza è stata crediamo danneggiata anche dalla chiusura al traffico domenicale che ha ridotto di circa un migliaio gli ingressi della prima giornata di apertura». Sono stati invece circa 16.700 (-5% rispetto all'edizione dello scorso settembre) i visitatori arrivati al salone della pelletteria Mipel, chiuso da ieri a Fieramilano. In particolare sono risultati in calo gli italiani (7870, -8% rispetto a settembre 2011) e in aumento gli stranieri (8874, +2%), dato in linea con l'andamento del mercato. Tra i buyer stranieri si sono segnalati soprattutto giapponesi, cinesi e russi. «Il crescente interesse di questi Paesi è un buon segnale - dice Giorgio Cannara, presidente dell'associazione Aimpes e di Mipel - perchè significa che queste aree geografiche, sempre più attente a standard qualitativi molto elevati, trovano al Mipel i prodotti che meglio soddisfano la loro richiesta».