«Finalmente un'inversione di tendenza»

Vacanze interrotte per il governatore Roberto Maroni che ieri ha passato una lunga giornata romana a parlare di soldi per la Lombardia e di infrastrutture da concludere in tempo per l'Expo. Due riunioni, in mattinata il Cipe che ha sbloccato 227 milioni di euro per le infrastrutture lombarde, in particolare 55 milioni alla Rho-Monza e 172 alla metropolitana M4, più il via libera all'iter per la Cassanese bis, un'altra opera strategica. «Si tratta di un'inversione di tendenza - ha sottolineato Maroni -, visto che prima la maggior parte di questi fondi veniva dirottata altrove e di questo non possiamo che essere soddisfatti, perché così stiamo recuperando quel gap di risorse per le infrastrutture che avevamo accumulato in passato». Ma Maroni si è detto «molto contento» anche del secondo incontro, quello avuto con il ministro Maurizio Lupi al ministero delle Infrastrutture. «Per riuscire a presentarci con tutte le opere strategiche pronte per Expo - spiega Maroni - abbiamo dovuto dare un'accelerata alla tabella di marcia per recuperare il tempo perso. Un'accelerazione che continuerà per tutto il mese di agosto, senza interruzione». E, infatti, il prossimo appuntamento al Cipe è già fissato per il 23 agosto. Ieri in agenda la viabilità della città di Milano e le opere fondamentali per Expo come Pedemontana, la linea ferroviaria Arcisate-Stabio e il collegamento ai Terminal 1 e 2 di Malpensa. Sul tavolo lo stanziamento delle risorse e le modifiche dei progetti per garantire il completamento delle opere entro la scadenza tassativa dell'inizio di Expo. «Personalmente - ha spiegato Maroni al termine degli incontri -, nelle riunione al Cipe e con il ministro Lupi, ho ribadito l'impegno totale della Regione per sostenere l'azione del commissario Giuseppe Sala. Siamo partiti in ritardo, ma stiamo recuperando e per me è stato molto importante avere la conferma, nel corso delle riunioni avute a Roma, di quello spirito di collaborazione tra tutte le istituzioni coinvolte affinché Milano sia davvero la capitale d'Europa nel semestre dell'Expo».