Firme false, Podestà a giudizio

Guido Podestà rinviato a giudizio per le firme false raccolte nel 2010 a favore del listino Formigoni per le elezioni regionali

Il presidente della Provincia Guido Podestà

Guido Podestà, presidente della Provincia di Milano, è stato rinviato a giudizio per le firme false raccolte nel 2010 a favore del listino Formigoni per le elezioni regionali. Con lui anche i consiglieri provinciali Massimo Turci, Barbara Calzavara, Nicolò Mardegan e Marco Martino. Il coinvolgimento del presidente della Pronvincia è in qualità di coordinatore regionale del Pdl.

Il quattro marzo la quarta sezione penale avvierà il dibattimento. Quattro degli imputati hanno chiesto il patteggiamento. Tra di loro Clotilde Strada, ex segretaria del consigliere Nicole Minetti, che in virtù di un accordo con la procura ha ottenuto una condanna a 18 mesi di reclusione. Un altro imputato ha scelto il rito abbreviato.

Tutto loro compariranno davanti al gup l'8 gennaio. L'accusa è di falso ideologico continuato e pluriaggravato per le 926 firme false a sostegno delle liste Pdl. 618 di queste erano legate alla lista regionale Per la Lombardia, mentre 308 alla lista provinciale Il Popolo della libertà - Berlusconi per Formigoni.