Fontana: «Assessori in giunta? Ascolto tutti, ma poi parlerò io»

Partite le grandi manovre. I nodi Sanità e presidenza del consiglio

Alberto Giannoni

Attilio Fontana, da tre giorni lei è il presidente della Regione Lombardia. Ha attraversato questa vicenda, anche tumultuosa, ma è sempre sembrato sereno e serafico. Questa tranquillità deriva dalla sua esperienza?

«Guardi, da giovane ero piuttosto ansioso e apprensivo. La cosa provocava anche bruciori di stomaco. Poi ho capito che, quando hai fatto quel che dovevi, puoi stare tranquillo e devi solo sperare che le cose vadano bene. Se vanno male, hai la coscienza a posto. Così ho impostato la mia vita. Altrimenti, anche per la professione che ho sempre svolto, di stress ce ne sarebbero anche troppi, e di difficile sopportazione».

Stavolta le cose sono andate bene (...)