Formigoni nel mirino dei pmma è Penati ad aver presosoldi per drogare le elezioni

Le elezioni del 2009 e 2010 "drogate" dalle tangenti rosse, la sinistra non vede e chiede le dimissioni del governatore

Due campagne elettorali, per la Pro­vincia nel 2009 contro Guido Podestà e per la Regione del 2010 contro Roberto Formigoni, «drogate» dalle tangenti ros­se. Lo dicono i pm della procura di Mon­za Walter Mapelli e Franca Macchia che hanno chiuso l’indagine sul«Sistema Se­sto » rinviando a giudizio Filippo Penati e altri ventuno tra cui l’ex braccio destro Giordano Vimercati e l’ex segretario ge­nerale della Provincia Antonino Prin­ciotta. Oltre alla Codelfa, società del gruppo Gavio. Tutti alla sbarra per i rea­ti, a vario titolo, di corruzione, concus­sione e finanziamento illecito ai partiti.

Ce ne sarebbero tante di domande da fare a Penati, l’uomo forte del Pci, poi Pds, poi Ds e poi Pd in Lombardia salito alle cronache come sindaco di Sesto san Giovanni, eterna Stalingrado d’Italia e tramontato da braccio destro di Pierlui­gi Bersani giusto un attimo prima di fini­re nella mega indagine sulle mazzette «progressiste».Tanto che in molti si chie­sero il perché di quell’improvviso e al­meno apparentemente immotivato allontanamento dal piano nobile dei Pa­lazzi romani. Ma a Penati, a parte i magi­strati, quelle domande nessuno le fa. Nemmeno chi ogni giorno ripete la stes­sa, accompagnandola con la richiesta di dimissioni, al governatore Roberto For­migoni che a differenza di Penati non ha mai ricevuto nemmeno un avviso di ga­ranzia. Mentre Penati è stato mandato a processo per un giro di tangenti che ruo­tavano intorn­o a quello che ormai è chia­ro essere stato per decenni il «Sistema Se­sto ». Falce e mazzetta, tangenti vermi­glie, un guazzabuglio di corruzione che ha coinvolto imprenditori non solo loca­li ( c’è pure il banchiere Massimo Ponzel­lini) e politici di sinistra. Ma soprattutto il partito che evidentemente con quei fi­nanziamenti illeciti metteva in piedi le campagne elettorali di Penati e non so­lo. Compresa quella in cui lo stesso Pena­ti sfidò proprio Formigoni nel 2010 per diventare governatore della Lombar­dia. E oggi una bella domanda sarebbe chiedersi cosa sarebbe successo se anzi­ché vincere Formigoni, avesse vinto il candidato delle sinistre (al plurale). Ep­pure, anche dopo la sconfitta, il Pd pre­miò Penati con un posto da vice presi­dente del consiglio regionale, con tanto di stipendio, indennità, staff personale e benefit. E poco importano le dimissioni dal Pd successive allo scoppio dello scandalo, perché a Penati nessu­no ha chiesto di lasciare scranno e stipendio co­me, per molto meno e con maggiore dignità ha fatto perfino Ren­zo «Trota»Bossi.Per­ché nel caso di Pena­ti si parla di almeno 368mila euro incame­rati a­ttraverso Fare Me­tropoli, l’associazione de­finita «mero schermo desti­nato ad occultare la diretta desti­nazione delle somme». Per non parlare degli affari d’oro sull’autostrada Serra­valle e sui sospetti di tangenti per l’acqui­sto della nuova sede della società. Per­ché secondo i pm monzesi, Penati ha messo in piedi una gioiosa macchina da guerra per raccogliere soldi per sé e per il partito. E il partito, il Pd di Bersani che Pe­nati lo conosce bene, tace. Silenzio. Accontentandosi di chiedere (inutilmen­te) le dimissioni di Formigoni.

Commenti

Porrzuz1492

Sab, 09/06/2012 - 09:25

Forse Formigoni é più furbo di Penati

Massimo Bocci

Sab, 09/06/2012 - 09:53

Ma il pena, come comunista aveva la lencnza di malversare costituzionalmente,....un comunista che ruba non fa un reato (per i comunisti soci) ma un esproprio proletario,in un regime comunista..... proprio come questo.

Ritratto di tethans

tethans

Sab, 09/06/2012 - 10:15

Ma e assurdo adesso condannare un innocente , e a piede libero incolpevole ... Fate schifo Un italiano a Londra

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 09/06/2012 - 11:57

mentre questi 3 non ne sanno nulla ????Davide Boni (Lega), Franco Nicoli Cristiani (Pdl), , Massimo Ponzoni (Pdl). e sono solo i piu noti !!!!!!!!!!!!!

chiara63

Sab, 09/06/2012 - 11:52

Penati avrà le sue colpe ma Formigoni è molto peggio...da cattolico vedere il comportamento e l'arroganza di Formigoni mi fa veramente rivoltare lo stomaco...purtroppo il Pdl è pieno di questi uomini pieni di sè che vogliono passare per moderati e invece sono degli arroganti della peggior specie

villiam

Sab, 09/06/2012 - 12:03

sono comunisti ,loro possono rubare ,i moderati no ,ma se hanno cominciato subito dopo la guerra a rubare soldi ai sovietici ,il guaio è che hanno nei magistrati alleati formidabili!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Loreno Bardelli

Sab, 09/06/2012 - 12:36

Occhio ! non credo che il "compagno" Penati sia disposto ad emulare , nell'addossarsi tutte le responsabilità , il compagno G . Quindi , se dovesse aprire mai il libro .....

silvano45

Sab, 09/06/2012 - 13:59

siamo alle solite per la magistratura due pesi e due misure se vai sotto processo e sei di sinistra "vogliamoci bene" "ricordati di noi" se sei di destra cerchiamo dalla nascita comportamenti e testimoni che possano incriminare, viva la giustizia viva il magistrato ingroia che fa politica (ma non è vietato dalla costituzione repubblicana?)

handy13

Sab, 09/06/2012 - 14:15

...vorrei essere comunista,....avere i magistrati al 90% iscritti ad un sindacato di sx...avere i centri sociali sempre pronti a difendermi,....avere nei gangli della vita politica miei amici,...avere i due principali giornali dalla mia parte,....vorrei essere comunista perchè è facile essere comunista, basta prendersela con i ricchi,..è semplice essere comunista, c'è sempre un nemico da annientare,...è bello essere comunista, contro hai solo dei bamboccioni molli che ti lasciano fare,...

marcomasiero

Sab, 09/06/2012 - 15:55

bello schifo ... i magistrati di questa repubblica ricordano quelli di Cuba ... già lo si legge: "Penati non sapeva ... e blà blà blà ..." Formigoni ha messo in piedi una struttura sanitaria modello per l' Europa eppure verrà trascinato nel fango ... Vendola in Puglia ha distrutto tutto eppure è ancora lì ... bah !!!