Formigoni scrive ai parlamentari: «Date il via libera alla Brebemi»

Arriva oggi il primo voto parlamentare sulla Brebemi, la direttissima Brescia Bergamo Milano su cui sta puntando molto Roberto Formigoni. A esprimersi (sia pure con un parere consultivo) sarà la commissione Ambiente della Camera. Poi toccherà al Senato. E per convincere tutti i senatori e i deputati delle commissioni che dovranno votare le convenzioni per realizzare l’autostrada Bergamo Milano e la Pedemontana (anch’essa nella partita, sia pure in modo meno contrastato), il presidente della Lombardia ha preso carta e penna e scritto loro una lettera.
Dopo il voto di oggi a Montecitorio, nei prossimi giorni voterà anche la commissione Lavori pubblici del Senato, che nelle scorse settimane ha espresso qualche perplessità sull’aumento dei costi per la Brebemi e sulle regole per la concessione dell’appalto. Tanto che il relatore del testo, Paolo Brutti, della Sinistra democratica (sostenuto dalla presidente, la verde Anna Donati), ha anche avanzato l’idea che si debba rifare la gara d’appalto.
«Mi auguro - scrive Formigoni nella lettera - che il Suo sarà un voto favorevole alle concessioni sottoscritte da Cal e dalle società incaricate di realizzare le opere». Secondo il governatore, la gara si è svolta in maniera «irreprensibile ed è già stata assegnata». E Cal (la concessionaria autostradale lombarda, la società mista Anas infrastrutture lombarde, nata da un accordo tra governo e Regione) che ha il compito di dare le concessioni, rappresenta «un modo per realizzare nei fatti il federalismo anche nel campo delle infrastrutture e rappresenta un modello per le altre regioni».
Il presidente della Lombardia ha poi sottolineato la mancanza in Regione di infrastrutture, come appunto strade, e ha ripetuto che sia Brebemi sia su Pedemontana «in Lombardia c’è un consenso estremamente largo». L’opera è molto attesa in una Regione alle prese con il problema drammatico del traffico, soprattutto commerciale. Ogni anno circola un volume di 22,5 mln/tonnellate per Km di strade, contro la media nazionale di 7 mln/tonnellate/anno. La Lombardia, però, ha poco meno di 500 km di autostrade contro la media di 700 delle altre Regioni. Un dato che diventa ancora più impressionante se parametrato ai nove milioni e mezzo di abitanti della Regione. La Lombardia dispone infatti di 64 km di autostrade per ogni milione di abitanti, quando la media italiana complessiva è di 115 km (per le Regioni del Nord è di 123 km) e quella europea, quindi delle Regioni più vicine a noi per livello di competitività e di crescita, è di 150 km per milione/abitanti.