Il Fuorisalone ora si allarga e conquista anche via Solari

Fra l'ex panetteria e l'ex bocciofila un altro pezzo di città per eventi e mostre. Domenica passeggiata nella storica zona di case operaie e linee ferroviarie

Dopo il distretto di Brera e la zona Tortona il FuoriSalone si allarga a macchia d'olio. I Navigli ieri pomeriggio si sono riempiti di rane colorate, circa 5000 che alla fine della Design week saranno ripescate e vendute (20 euro l'una) per finanziare le opere di recupero dei Navigli. Ma da oggi c'è un nuovo indirizzo per vagabondare tra mostre, eventi e cocktail.

Si tratta del quartiere operaio dell'Umanitaria di via Solari che aprirà per la prima volta i suoi spazi storici e inutilizzati, come l'ex panetteria e l'ex bocciofila. Un quartiere dove si distillava il Ferro-China Bisleri, la Carrozzeria Castagna vestiva le Isotta Fraschini e gigantesche turbine uscivano dalla Riva Calzoni. Primo appuntamento questa alle 19 in via Solari 40. A battezzare l'ingresso del quartiere nel circuito del Fuori Salone sarà l'assessore all'area metropolitana Daniela Benelli col presidente di Zona 6 Gabriele Rabaiotti con l'inaugurazione dell'ex panetteria.

È solo l'inizio. Fino a domenica sono in programma mostre video-fotografiche, installazioni e percorsi guidati per far conoscere, rivivere e aprire alla città questi antichi spazi. «Fuorisalone, Dentrosolari» è un'iniziativa del Comune alla quale partecipano anche la Società Umanitaria e il Comitato Inquilini del 1° Quartiere Operaio Umanitaria di via Solari 40 e realizzata grazie alla collaborazione di Associazione Esterni, NABA-Nuova Accademia di Belle Arti, ITSOS Albe Steiner, Associazione Dynamoscopio, MuseoLab6. Costruito nel 1906, il Quartiere Operaio Umanitaria è uno degli ultimi esempi di un'architettura che poneva al centro la comunità. Intorno alle residenze vennero progettati spazi di condivisione come la biblioteca pubblica, l'asilo, la palestra, la bocciofila, i lavatoi. «Il quartiere - ha ricordato l'assessore Benelli - sarà interessato da importanti lavori di riqualificazione per conservare questa preziosa testimonianza storica, sia urbanistica che sociale, datata 1905.

E, soprattutto, per valorizzare il lavoro dello Spazio Abitare Solari: un servizio pubblico innovativo attivato dal Comune per promuovere la collaborazione con gli inquilini e i soggetti locali prima, durante e dopo i lavori». Il via oggi (ore 19) con «Dalla memoria alla materia», l'apertura dell'ex-panetteria e l'inaugurazione della mostra che mira a riattivare e per la prima esporre al pubblico l'archivio video-fotografico degli abitanti del quartiere. Da domani invece dalle 10 alle 17 si terrà «La memoria di un luogo» un set partecipato con gli studenti dell'Itsos. Domani, dalle 12 alle 18 sarà presentato «Piccole opere pubbliche»m il lavoro di riutilizzo della «ex bocciofila» con pranzo e merenda comunitaria. Domenica (dalle ore 15), giochi e visite guidate con il Comitato inquilini e gli studenti dello IED. E per finire domenica «Passeggiata di quartiere» (ore 10.30), due ore in zona Solari-Tortona alla scoperta di un paesaggio dove si alternavano campi, case operaie, linee ferroviarie, fabbriche.