Fuorisalone a tutta musica tra nomi noti e nuove stelle

Il Fuorisalone a suon di musica si chiama... «Elita Festival»

Il Fuorisalone a suon di musica si chiama... «Elita Festival». È così da otto anni a questa parte. E quest'anno lo sarà, a ragione, ancora di più. Con un cartellone che promette di essere davvero trasversale. Della serie: non solo elettronica di qualità e dance intelligente da ballare, colonna sonora ideale per le migliaia di giovani che animano le notti dell'evento più internazionale di Milano, ma anche qualche chicca di musica d'autore. Internazionale e d'avanguardia.

Come quella prodotta dallo statunitense John Grant, rivelazione pochi anni fa con l'esordio solista «Queen of Denmark» (per la rivista britannica "Mojo" il miglior disco del 2010), tornato di recente alla ribalta con l'intrigante «Pale Green Ghosts», nel quale combina ballate, atmosfere dark ed elettronica dal tocco vintage, tra i protagonisti della serata live di domani sera al Teatro Franco Parenti. Serata inoltre animata da due nomi di spicco della sperimentazione elettronica in salsa europea: il norvegese Lindstrøm e lo spagnolo John Talabot.

Come da tradizione lo storica sala di via Pier Lombardo farà da cuore pulsante dell'intera kermesse, ospitando tanta musica dal vivo. Già a partire da stasera con la performance multimediale del regista e producer francese Woodkid e, poi, venerdì con il campione della deep-house del cileno Ricardo Villalobos, alle prese con un insolito dj-set «a teatro», sabato con lo statunitense Mos Def (rapper socialmente impegnato, oltre che attore), e domenica con l'inglese James Golden, cui si deve un genere a metà fra techno, ambient, progressive e trance.

Ma in questi giorni la musica di «Elita» conquisterà molte altre location: dal Tunnel di via Sammartini al Plastic di via Gargano; dal Rock'n'roll di via Bruschetti al Q21 di via Padova; passando per i Magazzini Generali di via Pietrasanta, gli East End Studios di via Mecenate, il Factory di via Corelli, il Divina di via Molino delle Armi, il 65MQ di via Casale ei il Bitte di via Pacinotti (a Segrate). Senza dimenticare che «Elita» sarà presente anche alle Officine Creative Ansaldo di via Tortona con la mostra «Extrasmall», una selezione di progetti di imprese creative e micro editoria accomunati dalla attitudine all'autoproduzione (per ulteriori info: www.designweekfestival.com/music/).

Qualche altra location musicale durante il Fuorisalone? In zona Navigli, The Magazzini, uno spazio allestito da Heineken in via Valenza, vero e proprio covo di giovani creativi.