Gay pride, vietati già dalle 9 vetro, lattine e aste per selfie

Domani alle 16 il corteo da Centrale a piazza Oberdan 400 vigili tra la parata e i concerti al parco Forlanini

Chiara Campo

Contenitori di vetro, lattine, bottiglie di plastica con il tappo e anche le aste per i selfie saranno vietate domani dalle ore 8 fino alle tre di notte nella zona di Porta Venezia. Sul modello del «concertone» di Radio Italia in piazza Duomo domenica scorsa, il sindaco Beppe Sala ha firmato le ordinanze per evitare che domani durante la parata del Gay Pride possano avvenire incidenti come quelli in piazza San Carlo a Torino durante la finale di Champions. E materiale che può diventare potenzialmente pericoloso in mezzo alla folla viene bandito ben prima e dopo la manifestazione. Il corteo arcobaleno che secondo le forze dell'ordine attirerà oltre 50mila persone e per gli organizzatori addirittura centomila partirà da piazza Duca d'Aosta alle ore 16 per arrivare in piazza Oberdan intorno alle 18 attraversando via Vitruvio, Settembrini, piazza Caiazzo, via Pergolesi e corso Buenos Aires. Nelle strade citate e nel raggio di 200 metri scattano quindi dalla mattina fino alla notte il divieto di «introdurre, depositare al suolo, detenere, trasportare, cedere o ricevere a qualsiasi titolo» bottiglie e contenitori di vetro, bottiglie di plastica piene e chiuse con tappo, lattine di qualsiasi tipologia e aste selfie. Banditi botti, petardi, il divieto di vendere o distribuire anche gratuitamente bevande da asporto in contenitori di latta o vetro e il consumo di bevande superalcoliche all'esterno dei pubblici esercizi. Vietato anche street food e commercio itinerante. Visto che gli eventi della «Week Pride» sono numerosi ed estesi su tutto l'arco della settimana, una seconda ordinanza è scattata già ieri mattina e proseguirà fino alle 2 di domenica nell'area di via Vittorio Veneto, piazzale Lavater e largo Bellintani, vieta anche qui vetro, lattine, petardi, consumo di alcolici sopra i 21 gradi fori dai locali. Oggi ci sarà un tavolo tecnico delle forze dell'ordine per suddividere aree di competenza e controlli, l'assessore alla Sicurezza del Comune Carmela Rozza precisa che la polizia locale «si occuperà principalmente di viabilità e antiabusivismo». Saranno in totale sette gli steward messi a disposizione dai negozianti e dagli organizzatori del Gay Pride che da questa sera alle 20 fino alle due di notte di domenica stazioneranno nell'area Castaldi, Bellintani e via Lecco in contatto con i vigili per segnalare la presenza di venditori abusivi o altre situazioni di rischio.

Non solo parata arcobaleno, sarà un weekend di grandi eventi e l'assessore Rozza riferisce che «saranno almeno 400 i vigili in servizio per far fronte a tutti gli appuntamenti previsti». Domani sera all'Ippodromo Snai San Siro è in programma il concerto di Major Lazer, gli organizzatori hanno previsto l'arrivo di circa 20mila spettatori. Oggi e domani in Darsena si tiene «The Watergolf Challenge»: chiunque potrà tentare di raggiungere con un colpo dal pontile le tre buche galleggianti sull'acqua. Sempre oggi e domani, al parco Forlanini, si tiene l'«Arezzo Wave Festval 2017» con concerti e dj set a partire dalle 14.30 su tre palcoscenici (tra gli altri, Rocco Hunt, Belako, Sonars). A San Siro martedì è invece la volta dei Depeche Mode (attese 50mila persone), il 3 e 4 luglio i Coldplay (52mila a serata), sarà replicato il dispositivo di sicurezza utilizzato per le date di Tiziano Ferro. «Questo weekend - ribadisce la Rozza - è pieno di feste e musica, compreso il Gay Pride che è la festa dei diritti. I vigili con le altre forze dell'ordine saranno in campo per garantire sicurezza. Stiamo lavorando perché tutto sia allegro e sereno. Chiedo ai partecipanti di non portare o comprare bottiglie di vetro»..

Commenti

Giorgio5819

Ven, 23/06/2017 - 16:03

Gay pride, vietati già dalle 9 vetro, lattine e aste per selfie... attenzione che quelli hanno un nascondiglio...soprattutto per le aste !