Gaypride, 50mila a Milano Pisapia: "Vinceremo su chi blocca i diritti"

Primo sindaco a partecipare alla manifestazione, ricorda: "Già fatto molto dal punto di vista amministrativo"

Gaypride, Pisapia in piazza a Milano

"Insieme diciamo con fermezza da Milano e con le altre città che sono in piazza oggi, che vinceremo su chi cerca di bloccare la tutela dei diritti". Il sindaco Giuliano Pisapia sceglie in strada con il gaypride della capitale lombarda e ribadisce dal palco della manifestazione un impegno per i diritti civili degli omosessuali.

Primo sindaco milanese a partecipare alla manifestazione, Pisapia ha spiegato di voler continuare sulla strada di una Milano "sempre di più città senza discriminazioni". E ricordato anche quanto fatto "da un punto di vista strettamente amministrativo". "Qui - ha aggiunto - c’è tutta Milano, la città che vogliamo".

Commenti

Giulio Francia

Sab, 29/06/2013 - 20:07

Povera grande Milano ! Ex .

Gianca59

Sab, 29/06/2013 - 20:18

Così, per sapere...Pisapia, che priorità da lei a questa battaglia ? Sa, siccome tengo famiglia e non lavoro, ho bisogno di sapere se posso contare su un futuro a Milano o è meglio che me ne vada....

Ritratto di gino5730

gino5730

Sab, 29/06/2013 - 20:21

Niente da dire contro i gay,ma la smettessero di romperci le pa...ma quali sono questi diritti che sono loro negati ? A me sembra che li abbiano tutti come per gli etero.E la finissero ad atteggiarsi a vittime con i loro piagnistei.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 29/06/2013 - 20:29

Un sindaco così non s'inventa,c'è e bisogna sopportarlo,d'altronde come potrebbe contrariare il proprio capo che giorni fa disse al Gay Pride di Palermo: ho vergogna di essere Italiano e dell'Italia.Ma guarda sti culattoni....

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 29/06/2013 - 21:01

provate a scrivere un po di fango anche su ROMA

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 29/06/2013 - 21:33

Quando si prendera cura dei normalmente non diversi ?

Ritratto di Limapapa02

Limapapa02

Sab, 29/06/2013 - 23:11

"Qui c’è tutta Milano, la città che vogliamo": mai frase fu detta da Pisapia e più falsa di fronte ad una maggioranza contraria all'esibizione del Gay Pride! Ma perchè invece di sentirsi il Destinato, non evita queste esternazioni, che altro non fanno che attirare su di lui ulteriori critiche su critiche? Tutti hanno diritti, ma nessuno parla di doveri: il rispetto della maggioranza dove lo mettiamo?

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Dom, 30/06/2013 - 02:21

La città che vogliamo?!casomai che vuoi tu Pisapia insieme ai tuoi amici comunisti!ma la meta dei milanesi non la pensa come te quindi non fare di tutta l'erba un fascio e non parlare a nome di tutti i milanesi caro Giuliano perché quelli che sono contro le tue porcate amministrative sono più di quanto pensi e alle prossime elezioni salvo brogli elettorali credo proprio che te ne andrai a casa...ciao ciao :-)

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 30/06/2013 - 08:14

che brava gente i comunisti, che uomini orgogliosi e come hanno a cuore i poveri malati mentali, intanto Milano muore e tra poco toccherà a Roma

il sorpasso

Dom, 30/06/2013 - 09:06

A Milano ci sono altri problemi molto più importanti da risolvere, speriamo nelle prossime elezioni di votare bene!

robiem

Dom, 30/06/2013 - 12:34

Pensate che si è fatto coinvolgere così intensamente da partecipare anche al 'Lancio della saponetta' ... questi si che sono Diritti!!!

lentiggine

Mar, 02/07/2013 - 18:11

Tutte queste persone così aperte di vedute e molto educate se non gradiscono possono tranquillamente cambiare città, ne saremmo molto felici ... Milano non ha bisogno e non apprezza persone così bigotte e retrograde. Milano e il suo sindaco fortunatamente sono al passo con i tempi e osservando tutto ciò che succede nel mondo. Andate ... grazie! Una milanese doc.