«Giro in fuga, uno sgarro a Milano»

«Il Giro è sempre arrivato in centro, Sempione-Castello, Duomo-San Babila. E, dunque, il cuore di Milano ha sempre battuto per il Giro. Riflettano gli organizzatori». Parola di Riccardo De Corato che replica alle lamentele di Angelo Zomegnan, organizzatore della corsa rosa. «Devo dire - spiega il vicesindaco - che noi siamo a dir poco meravigliati». Una replica alle accuse? «Replicano i fatti, Milano ha sempre avuto un ottimo rapporto con lo sport. Organizziamo la Stramilano, la maratona, il Giro da tanti anni e nessuno si è mai lamentato». L’intervista di Zomegnan al Giornale ha comunque avuto l’effetto di accendere i riflettori su una delle manifestazioni sportive più prestigiose. E De Corato assicura che il sindaco Letizia Moratti ha già contatto gli organizzatori per cercare di risolvere gli eventuali problemi. Che, a sentire i responsabili del Giro, non sarebbero pochi: dai soldi che il Comune non dà alle proteste per il traffico bloccato, dai bar chiusi al sindaco che non va alla premiazione. Non grandi problemi, a sentir De Corato. Che però potrebbero portare il Giro lontano da Milano.