La giunta «arruola» Lina Sotis per avere quartieri tranquilliFirmato un contratto di collaborazione gratuita

Chissà cosa pensa Lina Sotis, giornalista ed elegante signora della Milano bene, del suk di piazza Castello. Avrà modo di esprimersi (anche) a nome del Comune, visto che il sindaco Giuliano Pisapia ha arruolato l'esperta di bon ton fino all'aprile 2016, quasi la fine del mandato, per lo «sviluppo di progetti e attività di studio sull'identità culturale e sociale dei quartieri milanesi». Un incarico di prestazione professionale occasionale a titolo completamente gratuito. La Sotis ha fondato da poco l'associazione «Quartieri tranquilli», un'associazione spontanea di gruppi e persone che prova a coordinare le realtà di volontariato esistenti nei diversi quartieri e a crearne di nuove dove mancano, mettendo in contatto chi ha bisogno con chi può concretamente aiutare. Per il Comune, secondo l'accordo firmato lo scorso 6 maggio, Lina Sotis fornirà un supporto alla direzione centrale del Decentramento e dei Servizi al cittadino, nella scelta ha contato anche la «significativa rete di rapporti derivata dall'opera di giornalista». L'identità culturale di piazza Castello da quando è in versione isola pedonale è in forte crisi, forse la sua collaborazione potrà iniziare proprio dal centro storico. Altro che «quartiere tranquillo», in questi giorni si può assistere a liti tra ambulanti e residenti. Presterà gratis un «supporto» all'assessore alla Mobilità Piefrancesco Maran invece il Pd Maurizio Mottini.