Il grande teatro di scena al Piccolo

Via ai grandi appuntamenti con oltre cento proposte italiane e dal mondo. Apre «Odyssey»

La nuova stagione del Piccolo Teatro di Milano, si apre all'insegna dei grandi appuntamenti con più di cento proposte italiane e dal mondo, per dare continuità al suo sguardo internazionale. Già il debutto è sintomatico: «Odyssey» (dal 6 ottobre) di Robert Wilson, omaggio alla Grecia classica. Le nuove produzioni spaziano dai classici come «Le donne gelose» di Goldoni, per la regia Giorgio Sangati, «Questa sera si recita a soggetto» di Pirandello, per la regia Federico Tiezzi, fino al «Gabbiano» di Cechov diretto da Carmelo Rifici. Ma anche drammaturgia contemporanea che offrirà, tra gli altri, titoli come «Sanghenapule» di Borrelli-Saviano, o di grande attualità come il confronto-scontro tra le religioni monoteiste trattato in «Credoinunsolodio» di Stefano Massini.

«Bella e Fiera», lavoro di Laura Curino ed Emiliano Bronzino, è un testo dedicato alla Fiera Campionaria. Per i 400 anni dalla morte di Shakespeare, Declan Donnellan torna con una nuova produzione, «Winter's Tale» (dal 17/2). Un anniversario più recente, ma nel cuore del Piccolo, è il 60° dalla scomparsa di Brecht che coincise con il debutto dell'«Opera da tre soldi» di Strehler, che vedremo dal 19 aprile in un'inedita regia di Damiano Michieletto. Immancabile la ripresa di «Arlecchino servitore di due padroni» di Goldoni nella storica regia di Strehler. Reduce da una tournée durata tre anni, torna «Natale in casa Cupiello», di Eduardo, per la regia di Fausto Russo Alesi. Tra gli artisti internazionali, Lev Dodin con la nuova edizione di «Gaudeamus» (dal 27/1) e per Natale il ritorno di «Slava's Snowshow».

Info: www.piccoloteatro.org