Grandi e piccini a scuola di web

Class annuncia la «digital week» che si apre a giugno tra conferenze e prove pratiche

Nel giorno dell'Internet day che si celebrava ieri, Class editori risponde al messaggio e alla sollecitazione dell'iniziativa per lanciare a Milano la «Class Digital Experience Week», ovvero la prima grande iniziativa in Italia dedicata alla crescita della conoscenza di tutti i cittadini dell'innovazione digitale e delle sue straordinarie opportunità per vivere meglio la nuova era.

Milano, da sempre all'avanguardia sul tema dell'innovazione, sarà il grande teatro-laboratorio nel quale enti, istituzioni, università, grandi operatori, aziende piccole e grandi, start-up, centri di ricerca, ospedali, cliniche, showroom, garage, negozi apriranno e terranno aperte le porte per sette giorni in giugno consentendo ai cittadini di tutte le età che lo vorranno - dai bambini agli anziani - di vedere, capire e provare le infinite possibilità che la rivoluzione digitale consente, con un calendario di conferenze, seminari, prove pratiche quotidiane aperte al pubblico.

La «Class Digital Experience Week» si avvale della conoscenza multimediale di Class editori e dei suoi professionisti, del contributo scientifico, creativo e culturale di figure di alto profilo come l'architetto Italo Rota; scienziati come Mario Rasetti, Roberto Cingolani e Francesca Rossi; con la consulenza di docenti come Matteo Bittanti.

Con «Class Digital Experience Week» tutti coloro che operano nel digitale potranno alfabetizzare chi è ancora fuori da questo mondo e fare avanzare ai livelli più alti coloro che ne fanno già parte. Una mobilitazione globale che Class Editori, grazie alla più importante rete di media nella grande città, dalla tv degli aeroporti a quella delle metropolitane, alla tv degli autobus, al canale globale Class Cnbc, ai siti e ai quotidiani per un mese informerà su tutto quanto e dove di digitale si può fare oggi nella città più avanzata d'Italia.

Come detto, la campagna inizierà nel mese di giugno e porterà, in tutti i luoghi del digitale che saranno parte del progetto, migliaia e migliaia di cittadini desiderosi di vedere, di capire, di operare per vivere bene e progredire nella nuova era digitale, sfruttandone appieno tutte le capacità e le potenzialità.